Popolazione della Cina

Article

February 5, 2023

La popolazione della Repubblica popolare cinese, secondo il settimo censimento nazionale della Repubblica popolare cinese, condotto nel 2020, al 1 novembre 2020 è di 1.411.778.724, il che lo rende il paese più popoloso del mondo. Questo è il 5,38% in più rispetto al sesto censimento nazionale della Repubblica popolare cinese nel 2010. In due province della RPC, la popolazione ha superato i 100 milioni di persone: Guangdong - 126.012.510 persone e Shandong - 101.527.453 persone. La provincia più scarsamente popolata della RPC: Regione autonoma del Tibet - 3 648 100 persone. Le province con i più alti tassi di crescita della popolazione si trovano principalmente sulla costa sud-orientale e ad ovest della RPC: Guangdong, Zhejiang, Hainan, regione autonoma del Tibet e regione autonoma dello Xinjiang Uygur. Le province in cui la popolazione è diminuita si trovano principalmente nel nord-est e nel nord della RPC: Heilongjiang, Jirin, Liaoning, Mongolia interna, Shanxi e Gansu. La densità di popolazione era di 146 persone/km². Popolazione urbana - 63,89% (2020). Per più di 2000 anni, la Cina è stata lo stato più grande in termini di popolazione e dal 21° secolo supera qualsiasi continente in termini di popolazione. Un'aggravante della crisi demografica in Cina è che la Cina, come quasi tutti i paesi dell'Asia orientale (eccetto la Mongolia), ha uno dei livelli di fertilità totale più bassi al mondo (insieme ai paesi europei). A partire dal 2020, il TFR in Cina era di 1,3 figli per donna (2020). Ad esempio, la Repubblica di Corea nel 2020 ha registrato il tasso di natalità più basso del mondo: il TFR è stato di 0,84 La popolazione dell'Asia orientale (eccetto la Mongolia) è nel processo di invecchiamento globale della popolazione della Terra (ad eccezione dell'Africa subsahariana) e ha causato da essa in un certo numero di paesi, sia sviluppati che in via di sviluppo, la crisi demografica, insieme alla popolazione dell'Europa e ad alcuni paesi del sud-est asiatico (come Singapore e Thailandia), ha l'età media più alta della popolazione ed è soggetta al più rapido invecchiamento della popolazione del pianeta Terra. Ma, a differenza dei paesi europei, i paesi dell'Asia orientale hanno spesso politiche di immigrazione più rigorose, che non consentono loro di rallentare, come nei paesi europei, il processo