chiesa del portone

Article

August 18, 2022

Gate Church - una chiesa sopra le porte della fortezza, uno dei fenomeni architettonici unici nell'antica Russia, un segno caratteristico dell'architettura monastica e ecclesiastica. Uno dei tipi di architettura religiosa in Russia, quando divenne una tradizione costruire una cappella o un tempio sopra le porte della città o l'ingresso principale del monastero. In una tradizionale città russa (monastero), la chiesa porta aveva un significato sacro, denotando conformità e prova del trionfo del cristianesimo, indicando un tipico analogo iconico della Città Celeste come collegamento tra il mondo terrestre e quello celeste.

Descrizione

Le icone ortodosse sono state installate sopra le porte che conducono alla città. Quindi in questo sito furono costruite cappelle, chiese, templi o monasteri. Oltre alla funzione difensiva, gli edifici religiosi acquisirono un significato sacro, invocando poteri superiori per proteggere la città, "creando uno spazio sacro urbano (ierotopia)". Le chiese delle porte erano costruite sopra le porte principali della recinzione di pietra e, di regola, erano correlate al concetto di "porte sante".

Storia

Durante la costruzione delle mura cittadine, un'immagine ortodossa di un'icona sacra nel ivde dell'icona stessa, le sue immagini o mosaici con volti di santi, che "custodivano" le porte della città, erano spesso collocate sopra le porte. La tecnica architettonica di erigere porte cittadine con sopra l'immagine di un volto santo, che poi si sviluppò in edifici religiosi sovraporta sotto forma di cappelle, chiese e monasteri, consacrando l'ingresso alla città, era una tecnica architettonica caratteristica nell'antichità Russia. Uno specialista in architettura antica russa, V.P. Vygolov, osserva che rifletteva l'originalità dell'architettura antica e il percorso indipendente del suo sviluppo. La prima prova della costruzione di templi porta in Russia è nota dall'XI secolo. La tradizione architettonica continuò fino alla fine del periodo in cui l'antica architettura russa varcò il confine tra il XVII e il XVIII secolo. Si conservò in epoche successive: nei secoli XVIII-XIX, oltre le porte dei complessi ecclesiastici (mura cittadine, cremlini e fortezze, monasteri, corti vescovili), sorsero chiese-porta, che furono costruite non solo come luoghi di culto, ma portava anche un divertimento difensivo, oltre che sacro �