Cartier Bresson, Henri

Article

August 18, 2022

Henri Cartier-Bresson (fr. Henri Cartier-Bresson; 22 agosto 1908 - 3 agosto 2004) - Fotografo francese, maestro della fotografia realistica del XX secolo, artista fotografico, padre del reportage fotografico e del fotogiornalismo, rappresentante della fotografia documentaria.

Biografia

Origine del cognome e nome

La madre di Henri era Marthe Le Verdière (cognome da nubile) e il padre era André Cartier-Bresson. Il doppio cognome del padre, "Cartier-Bresson", registrato per la prima volta nel 1901, si rivelò essere una combinazione del cognome dei contadini Cartier, originari del dipartimento dell'Oise, e il cognome degli industriali di Bresson, produttori di filo di cotone . La relazione iniziò quando la famiglia urbana Bresson affidò la cura dei propri figli ai membri della famiglia rurale Cartier. Successivamente, due dei figli di Cartier (uno di loro si chiamava Andre) divennero studenti di Bresson - e, alla fine, dopo aver sposato le figlie del loro capo, entrarono a far parte dell'impresa. L'attività congiunta delle due famiglie fiorì e il nome "Cartier-Bresson" divenne una marca di fili di cotone molto famosa in Francia all'inizio del XX secolo. Il 22 agosto 1908 Martha e André Cartier-Bresson hanno il loro primo figlio. In memoria del nonno paterno, Henri Cartier, al ragazzo (il maggiore di cinque figli) fu dato il nome di Henri.

Educazione Artistica

Era interessato alla pittura fin dalla sua giovinezza. Nel dicembre del 1913 Henri conobbe suo zio Louis, un artista che lo introdusse al mondo dell'arte. Sfortunatamente, suo zio morì nel 1915, ma Henri continuò a seguire il suo consiglio. Ha studiato presso lo studio dell'artista André Lot. Cartier-Bresson deve gran parte della sua eccezionale abilità di fotografo alla sua formazione di artista e grafico.

Viaggio e passione per la fotografia

Nel 1930, dopo aver iniziato gli studi di pittura e grafica, parte per un viaggio in Africa. Ritornato in Francia nel 1932, decide di dedicarsi alla fotografia. Fu molto colpito da diverse fotografie scattate da Eugène Atget e André Kertész, ma soprattutto fu spinto all'arte fotografica da una fotografia scattata da en:Martin Munkácsi nel 1929 o 1930, che ritrae tre persone di colore, nude che si precipitano tra le onde del Lago Tanganica (Tanzania). Ha elogiato l'estetica della fotografia e ha scritto con ammirazione: "Oh! Puoi farlo con una macchina fotografica!!” Nello stesso anno a Marsiglia