Agida III

Article

June 29, 2022

Agis III (greco antico Ἆγις, ionico Aegius, Ἦγις; morto nel 331/330 a.C.) - re di Sparta nel 338-331/330 a.C. e. dal genere Eurypontides Agis III succedette al padre Archidamo III, morto durante la battaglia sulla penisola appenninica. Secondo l'antica tradizione, si svolse contemporaneamente alla battaglia di Cheronea nel 338 a.C. e., in cui Filippo II sconfisse la coalizione greca anti-macedone. Dopo la vittoria, Filippo II condusse un'operazione militare contro Sparta, a seguito della quale perse numerosi territori. Nonostante la sconfitta, gli Spartani mantennero la loro indipendenza dalla Macedonia. Alcuni anni dopo si rifiutarono di partecipare alle campagne persiane di Alessandro. Nel 334 o 333 a.C. e. Agis III iniziò i preparativi attivi per la guerra con la Macedonia. I persiani, che subirono una sconfitta dopo l'altra, furono in grado di fornire al re spartano solo 30 talenti d'argento e 10 navi. Poi Agis III intervenne nelle guerre intestine a Creta. Riuscì non solo a conquistare la maggior parte dell'isola, ma anche a creare un grande esercito. Agis III riempì anche il tesoro saccheggiando le politiche catturate. All'inizio del 331 a.C. e. Agis III iniziò una guerra contro i macedoni. La situazione per il re spartano era facilitata dal fatto che Alessandro con l'esercito principale era in Asia e il viceré del re in Macedonia, Antipatro, era impegnato in una guerra con il governatore ribelle della Tracia, Memnone. Gli storici non escludono la collusione tra i sovrani traci e spartani. Dopo la vittoria sullo stratega macedone Korrag, la maggior parte delle politiche del Peloponneso passò dalla parte di Agis. Antipatro riuscì a sconfiggere rapidamente Memnone, dopodiché andò a reprimere la rivolta dei Greci. Nella battaglia di Megalopoli con i Macedoni, Agis III morì.

Biografia

Origine e inizio del regno

Agis III apparteneva alla famiglia degli Euripontidi, una delle due dinastie reali di Sparta, che fecero risalire la loro genealogia all'eroe mitologico Ercole. I re usarono la loro appartenenza agli Eraclidi come strumento di propaganda, usandola per giustificare i propri diritti all'interno della comunità (per svolgere le funzioni di capi militari e sommi sacerdoti) e il diritto di Sparta a governare la Laconia e la Messenia. Agis era il figlio maggiore della famiglia del re spartano Archidamo III e Diniha. Tranne A