suzano

Article

September 25, 2022

Suzano è un comune brasiliano nello stato di San Paolo, situato nella regione metropolitana di San Paolo e Alto Tietê. È formato dalla sede e dai distretti di Boa Vista Paulista e Palmeiras de São Paulo. , in particolare nel settore chimico. Quando divenne comune, Suzano ospitava già 563 industrie e 5.274 aziende; oltre al fatto di avere un settore commerciale diversificato, con centri commerciali nei quartieri di Boa Vista e Palmeiras, oltre al Centro - che dispone di un centro commerciale -, nel 2009 il comune è stato tra i venti che riscuotono più tasse sulla Circolazione di Beni e Servizi - (ICMS), nello stato di São Paulo. La crescita industriale di Suzano è stata potenziata in passato grazie alla disponibilità di luoghi per l'insediamento di aziende e all'accesso alle autostrade che portano all'interno e alla costa dello Stato. Direttamente attraverso Suzano, passano le autostrade Índio Tibiriçá, Rodoanel e Henrique Eroles. Suzano ha accesso diretto all'autostrada Ayrton Senna, all'autostrada Anchieta e accesso indiretto a Mogi-Dutra e di conseguenza alla stessa Dutra. Degna di nota a Suzano è anche la produzione agricola e floricola, oltre a quella sportiva. Suzano è stata influenzata dalla cultura giapponese nel corso della sua storia, avendo ricevuto diverse famiglie dal Giappone nel movimento migratorio all'inizio del secolo. Oggi queste famiglie fanno parte dell'economia e della politica di Suzano. Attualmente, i principali problemi incontrati dal comune sono dovuti all'esplosione demografica avvenuta a Suzano e in tutta la Grande San Paolo.

Etimologia

Il nome "Suzano" fu scelto in onore dell'ingegnere Joaquim Augusto Suzano Brandão, responsabile della conclusione dei lavori della stazione ferroviaria di Guaió nel 1908. Secondo le attuali norme ortografiche della lingua portoghese, questo toponimo dovrebbe essere scritto "Susano ".

Storia

Fondazione e insediamento

Il fondatore del villaggio che sarebbe diventato il comune di Suzano fu il sacerdote gesuita Francisco Baruel, la cui missione era la catechesi degli indigeni, a metà degli anni 1660. Frei Baruel iniziò la costruzione di una cappella, dopo aspre contese tra gli indiani Pés Largos e i Guaianases, originari di quella zona, con lo scopo di placare gli animi degli indigeni. La costruzione attirò nuovi residenti e presto si formò un villaggio. Il santuario fu ricostruito nel 1750 da padre Antônio Sousa e Oliveira, che lo chiamò Nossa Senhora da Piedade de Taiaçupeba. 135 anni dopo, la cappella fu trasformata in chiesa. Nel 1895 la chiesa crollò a causa di una forte pioggia e solo con l'arrivo della famiglia Bianchi fu ricostruita. Da allora la zona divenne nota come Baruel, nome scelto dalla presenza della famiglia Barweel, giunta a Suzano nel XVI secolo. Negli anni '70 dell'Ottocento furono implementati i binari della ferrovia São Paulo - Rio de Janeiro. Pochi anni dopo, nel 1879, Antônio Marques Figueira, sovrintendente della Ferrovia, si stabilì nella regione. Nel 1885 arrivò nella regione suo fratello Tomé Marques Figueira, che contribuì molto al villaggio. Nel 1890 i due fratelli fecero redigere il piano urbanistico, opera eseguita dal conte Romariz. Il primo nome della località era "Vila da Concórdia", poi denominata "Vila da Piedade". Con l'acquisizione della ferrovia da parte della società Estrada de Ferro Central do Brasil, nel 1891, il villaggio si consolida. La ferrovia che passa per Alto Tietê, conosciuta all'epoca come Estrada de Ferro do Norte o São Paulo-Rio, fu costruita dai contadini di Vale do Paraíba, con lo scopo iniziale di trasportare il caffè. A quel tempo il luogo era conosciuto come Guayó, ma anni dopo il nome fu cambiato in Suzano in onore dell'ingegnere.