Lo status quo

Article

February 1, 2023

Statu quo è un latinismo che significa "nello stato di cose". Questa è una riduzione della frase in statu quo res erant ante bellu, che significa "nello stato in cui erano le cose prima della guerra". Questa riduzione venne ad essere utilizzata anche nella forma dello status quo, meno accettata dai lessicografi, per significare "lo stato [presente] delle cose".L'espressione è sconosciuta nei testi latini antichi ed era inizialmente usata in linguaggio diplomatico, già nella Modernità, come riduzione di in statu quo res erant ante bellum ("nello stato in cui erano le cose prima della guerra") o in status quo ante bellum ("nello stato esistente prima della guerra"). Successivamente, l'espressione venne usata per designare lo stato in cui qualcosa si trova nel presente o, genericamente, lo stato di cose presente, come in "mantenere lo status quo", "difendere lo status quo", "cambiare lo status quo ". " o "considerando lo status quo".

Nota

Status quo ha il nome e il pronome nel caso ablativo; lo status quo ha il sostantivo al nominativo e il pronome al caso ablativo. Entrambi sono perfettamente corretti in latino, a seconda di cosa intendi. In latino si trovano anche le sequenze statum quo (sostantivo all'accusativo) e statui quo (sostantivo al dativo). Genitivo e vocativo sono identici al nominativo. L'espressione originaria era in statu quo res erant ante bellum e comprendeva due ablativi perché il primo era richiesto dalla preposizione in, e il secondo risultava dall'identica funzione di localizzazione spaziale nella proposizione subordinata, che, in portoghese, è mostrata dalla ripetizione della preposizione "in": "nello" "stato" in cui si trovavano le cose prima della guerra. L'adozione preferenziale di formule di status quo ridotto o status quo varia da paese a paese. C'è disaccordo se usare l'espressione nell'ablativo (come nella frase originale) o nel nominativo (adattato al contesto d'uso, come in alcuni altri prestiti dal latino). A favore dell'uso del nominativo (status quo), si può sostenere che la formula ridotta non include la preposizione in, che, in latino, richiederebbe l'ablativo; inoltre, l'espressione può essere oggetto della frase (che, in latino, richiederebbe l'uso del nominativo) o avere altra funzione sintattica diversa da quella di complemento circostanziale. La forma ablativa status quo è più frequente in spagnolo e francese. In inglese è preferita la forma nominativa status quo. In italiano entrambe le forme sono dizionari, e l'uso dello status quo si verifica soprattutto quando l'espressione non è preceduta dalla preposizione "in". In portoghese, lo status quo ha il supporto della maggior parte dei dizionari brasiliani e portoghesi, sebbene lo status quo sia la forma attuale.

Vedi anche

antisistema casus belli conservatorismo controrivoluzione Stato Status quo (Terra Santa) possibile utilizzo

Riferimenti