Ossigeno

Article

February 8, 2023

L'ossigeno (portoghese europeo) o ossigeno (portoghese brasiliano) è un elemento chimico con numero atomico 8 e simbolo O (8 protoni e 8 elettroni) che rappresenta una massa atomica di 16 u. Fa parte del gruppo calcogeno ed è un metallo non reattivo e un forte agente ossidante che forma facilmente composti con la maggior parte degli altri elementi, principalmente ossidi. Ha la seconda più alta elettronegatività di tutti gli elementi chimici, superata solo dal fluoro. Misurato dalla sua massa, l'ossigeno è il terzo elemento più abbondante nell'universo, dietro l'idrogeno e l'elio, e il più abbondante nella crosta terrestre come parte dei composti di ossido, costituendo quasi la metà della sua massa. In condizioni normali di pressione e temperatura, due atomi dell'elemento si legano per formare diossigeno, un gas biatomico con la formula O2. Questo gas biatomico costituisce il 20,8% dell'atmosfera ed è essenziale per sostenere la vita sulla Terra. Tuttavia, diversi studi sui livelli di ossigeno atmosferico indicano una progressione globale verso il basso nella proporzione di questo elemento, principalmente a causa delle emissioni dalla combustione di combustibili fossili.Si tratta di un gas incolore (blu in liquido e solido), inodore e insapore, ossidante, non combustibile e poco solubile in acqua. Il diossigeno è utilizzato nella respirazione cellulare e molte delle principali molecole organiche negli organismi viventi come proteine, acidi nucleici, carboidrati e lipidi contengono ossigeno, oltre ai principali composti inorganici che formano i gusci, i denti e le ossa degli animali. La maggior parte della massa degli organismi viventi è composta da ossigeno come componente dell'acqua, il principale costituente delle forme di vita. A causa della sua reattività chimica, l'ossigeno non può rimanere nell'atmosfera terrestre come elemento libero senza essere costantemente reintegrato dall'azione fotosintetica di organismi che utilizzano l'energia solare per produrre ossigeno dall'acqua. L'ossigeno elementare O2 ha cominciato ad accumularsi nell'atmosfera solo dopo la comparsa di questi organismi, circa 2.500 milioni di anni fa. L'ozono allotropo (O3) è un forte assorbitore di radiazioni ultraviolette e lo strato di ozono ad alta quota della Terra aiuta a proteggere la biosfera dalle radiazioni in arrivo dal Sole. Tuttavia, l'ozono è un contaminante vicino alla superficie terrestre, essendo un sottoprodotto di smog. A basse altitudini dell'orbita terrestre, l'ossigeno atomico presente provoca la corrosione dei veicoli spaziali.L'ossigeno è stato scoperto autonomamente da Carl Wilhelm Scheele a Uppsala nell'anno 1773 e da Joseph Priestley nel Wiltshire nell'anno 1774, tuttavia è a Priestley che viene solitamente assegnata la priorità, poiché il suo lavoro è stato il primo ad essere pubblicato. Nel 1777, Antoine Lavoisier coniò il suo nome e i suoi esperimenti con l'ossigeno contribuirono a screditare la teoria flogista finora popolare della combustione e della corrosione. Il nome deriva dal greco ὀξύς (oxys) ("acido", letteralmente "piccante", alludendo al sapore degli acidi) e γόνος (-gonos) ("produttore", letteralmente "generare"), perché all'epoca a cui è stato dato questo nome si credeva erroneamente che tutti gli acidi avessero bisogno di ossigeno per la loro composizione. Le applicazioni tipiche per l'ossigeno includono, ma non sono limitate a, il suo uso in riscaldatori residenziali e motori a combustione interna, la produzione di acciaio, plastica e tessuti, applicazioni di taglio industriale e saldatura di acciai e altri metalli, come propellente per razzi, per terapie di ossigeno e sistemi di supporto vitale in aerei, sottomarini, veicoli spaziali con equipaggio e immersioni.

Caratteristiche principali

Struttura molecolare e proprietà

In condizioni normali di temperatura e pressione (PTN), l'ossigeno è un gas incolore e inodore con formula molecolare O2 e