max Weber

Article

December 2, 2022

Maximilian Karl Emil Weber (pronuncia tedesca: ˈmaks ˈveːbɐ; 21 aprile 1864-14 giugno 1920) è stato un intellettuale, giurista ed economista tedesco considerato uno dei fondatori della sociologia. Suo fratello era anche il famoso sociologo ed economista Alfred Weber. La moglie di Max Weber, Marianne Weber, biografa di suo marito, era una delle studentesse pioniere dell'università tedesca ed era membro di gruppi femministi del suo tempo. È considerato uno dei fondatori dello studio moderno della sociologia, ma la sua influenza si può sentire anche in economia, filosofia, diritto, scienze politiche e amministrazione. Ha iniziato la sua carriera accademica presso l'Università Humboldt di Berlino e successivamente ha lavorato presso l'Università di Friburgo, l'Università di Heidelberg, l'Università di Vienna e l'Università di Monaco. Personaggio influente della politica tedesca dell'epoca, fu consulente dei negoziatori tedeschi nel Trattato di Versailles (1919) e della commissione incaricata di redigere la Costituzione di Weimar. Gran parte del suo lavoro di pensatore e studioso è stato riservato allo studio del capitalismo e del cosiddetto processo di razionalizzazione e disincanto nel mondo. Ma i suoi studi diedero un importante contributo anche all'economia: la sua opera più famosa sono i due articoli che compongono L'etica protestante e lo spirito del capitalismo, con i quali inizia le sue riflessioni sulla sociologia della religione. Weber ha sostenuto che la religione è stata una delle ragioni non esclusive per cui le culture dell'Occidente e dell'Oriente si sono sviluppate in modi diversi, e ha sottolineato l'importanza di alcune specificità del protestantesimo ascetico, che hanno portato alla nascita del capitalismo, della burocrazia e del statale, razionale e legale nei paesi occidentali. In un altro importante lavoro, La politica come vocazione, Weber ha definito lo stato come "un'entità che rivendica il monopolio dell'uso legittimo della forza fisica", una definizione che è diventata centrale nello studio delle scienze politiche moderne in Occidente. Nei suoi contributi più noti sono spesso indicati come "tesi di Weber".

Biografia

Il giovane Max era il primo di sette figli di Max Weber, avvocato e politico, membro del Partito Nazionale Liberale, e Helene Fallenstein, discendente di immigrati ugonotti francesi. La famiglia ha stimolato intellettualmente i giovani Weber sin dalla tenera età. Anche suo fratello Alfred Weber, di quattro anni più giovane, sarebbe diventato sociologo, ma soprattutto economista, che sviluppò anche un'importante sociologia della cultura. Nel 1882 Max Weber si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Heidelberg, dove il padre aveva studiato, frequentando anche corsi di economia, politica, storia e teologia. Nel 1884 tornò alla casa paterna e si trasferì all'Università di Berlino, dove conseguì il dottorato in giurisprudenza nel 1889 e la tesi di abilitazione nel 1891, entrambi con scritti di storia del diritto e dell'economia. Dopo aver completato gli studi giuridici, economici e storici in diverse università, si distinse presto in alcune ricerche socio-economiche con la Verein für Sozialpolitik (associazione fondata nel 1872 da economisti legati alla German Historicist School of Economics a cui Weber aveva già aderito in 1888). ). Nel 1893 sposò Marianne Schnitger, poi femminista e studiosa, nonché curatrice postuma delle opere del marito. Attualmente, la pubblicazione della sua corrispondenza intima ha anche rivelato i suoi rapporti con Else von Richtoffen e Mina Tobler, portando molti esperti a rivedere l'importanza dell'amore e dell'erotismo nel suo lavoro. Fu nominato professore di economia alle università di Friburgo nel 1894 e di Heidelberg nel 1896. Tra il 1897, anno in cui morì il padre, e il 1901 soffrì di un'acuta depressione, tanto che dalla fine del 1898 alla fine del 1902 non svolse regolare attività —didattica o scientifica