Lingue laponiche

Article

February 1, 2023

Sámi o Lapp (in lappone settentrionale: Sámegielat o sámigiella; in finlandese: saame) è l'insieme delle lingue parlate dai lapponi (Sámi), un popolo che vive nella Norvegia settentrionale, in Svezia, in Finlandia e nell'estremo nord-ovest della Russia. È una lingua ugro-finnica, come il finlandese, l'estone e l'ungherese. Spesso viene erroneamente pensato come un'unica lingua. Sebbene ci siano opinioni diverse, vengono solitamente segnalati 3 gruppi di lingue laponiche: il Gruppo Meridionale, il Gruppo Centrale e il Gruppo Orientale, comprendenti un totale di 9 o 10 dialetti, comunemente detti varietà. Gruppo meridionale - parlato in Norvegia e Svezia (Lapponia meridionale, Lapponia Ume e Lapponia Pite). Gruppo centrale - parlato in Finlandia, Norvegia e Svezia (Lapponia settentrionale e Lapponia di Lule). Gruppo Orientale - parlato nella penisola di Kola, in Russia (Inari Lapp, Escort Lapp, Quildim Lapp e Ter Lapp) Northern Lapp è la varietà con più parlanti, circa il 75-85%. Le diverse varietà costituiscono un continuum, alcune essendo intelligibili tra loro e altre no.

Valutazione

Le lingue lappone fanno parte di un ramo della famiglia linguistica uralica. Secondo Sammallahti (1998), tra le lingue uraliche, la Lapponia è la più vicina alle lingue baltico-finniche, affermazione che è stata più recentemente messa in discussione da altri studiosi che mettono in dubbio questa vicinanza alla lingua proto balto-finnica, che ha più punti deboli di fino ad allora si era supposto (vedi T. Salminen [1] Differenze tassonomiche delle lingue uraliche alla luce dei moderni studi comparativi russi dimostrano che le somiglianze sarebbero derivate, piuttosto, da influenze locali, contatti tra parlanti, sui Lapponi dai popoli Balto -Finito. Quanto alle relazioni interne all'interno del gruppo lapico, si possono identificare due gruppi, dalle lingue dell'Oriente, dalle lingue dell'Occidente; Questi gruppi sono stati suddivisi in diversi sottogruppi, ulteriormente suddivisi in lingue particolari, in opere di Sammallahti (1998: 6-38.) Le varie partizioni delle lingue lappone formano un continuum di lingue provenienti da aree limitrofe, che sono mutuamente intelligibili, sebbene le lingue provenienti da aree più distanti siano sempre meno mutuamente comprensibili man mano che si muovono geograficamente. Tra lingue provenienti da luoghi lontani non c'è comprensione, il che è comprensibile. Vi sono, inoltre, distinzioni più chiare tra i gruppi che non si capiscono, soprattutto nei casi del Lappone meridionale, Inari e Escort, i cui gruppi parlanti si capiscono dopo molto studio e pratica.

Occidentali

Lappone settentrionale Ume Lapp Lapão de Pite Lapão de Lule Lappone meridionale

Orientali

Lappone di Inari Lapão de Quemi (defunto) Accompagnatore lappone Lapão de Acala (estinto) Lapão do Quildim Lapão de Ter

Geografia

Le lingue lappone sono parlate nella regione della Lapponia (Sápmi, in lappone), nell'Europa nord-occidentale. Questa regione abbraccia quattro paesi, Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia, e si estende dalla Scandinavia centrale fino all'estremità sud-occidentale della penisola di Cola a est. Durante il Medioevo e la prima età moderna, le lingue ormai estinte della Lapponia erano parlate nelle aree centrali e meridionali della Finlandia e in Carelia (Russia nord-occidentale) e anche in aree più estese della penisola scandinava. I documenti storici in finlandese, così come le tradizioni orali della Carelia, contengono molte menzioni di abitanti lapponi in queste regioni (Itkonen 1947). Ci sono parole dal lappone, compresi i toponimi nei dialetti della Carelia meridionale e finlandesi che confermano la passata presenza dei lapponi nell'area (Koponen 1996; Saarikivi 2004; Aikio 2007). Queste lingue lappone si sono estinte durante l'espansione dell'agricoltura fino-careliana.

Storia

Un ipotetico linguaggio di