Jo Soares

Article

August 14, 2022

José Eugênio "Jô" Soares (Rio de Janeiro, 16 gennaio 1938 – San Paolo, 5 agosto 2022) è stato un comico, conduttore televisivo, scrittore, drammaturgo, regista teatrale, attore e musicista brasiliano. Ha acquisito notorietà al comando di programmi televisivi in ​​formato talk-show in Brasile, come Jô Soares Onze e Meia tra il 1988 e il 1999 su SBT e Programa do Jô tra il 2000 e il 2016 su Globo. Il 5 agosto ha avuto ripercussioni sia in brasiliano società e sulla stampa internazionale.

Biografia

Nato nella città di Rio de Janeiro, José Eugênio Soares era l'unico figlio dell'uomo d'affari Orlando Heitor Soares e della casalinga Mercedes Pereira Leal. Per parte materna, era il pronipote del consigliere Filipe José Pereira Leal, diplomatico e politico che, nel Brasile imperiale, era presidente della provincia di Espírito Santo. Da parte di padre era il pronipote di Francisco Camilo de Holanda, presidente della provincia di Paraíba, Jô da bambino voleva fare il diplomatico. Ha studiato al Colégio de São Bento do Rio de Janeiro, al Colégio São José de Petrópolis e a Losanna, in Svizzera, al Lycée Jaccard, con questo obiettivo. Durante il suo soggiorno in Svizzera si guadagnò il soprannome di "Joe", riduttivo della versione inglese del suo nome, Joseph, nonché un riferimento alla popolare canzone "Hey Joe!" di Frankie Laine. Successivamente si ridurrebbe a Jô. Tuttavia, si rese conto che il suo acuto senso dell'umorismo e la sua innata creatività puntavano in un'altra direzione.

Carriera

Possedendo un talento versatile, oltre a recitare, dirigere, scrivere sceneggiature, libri e opere teatrali, Jô Soares era anche un fan del jazz e ha persino presentato un programma radiofonico sull'ormai defunto Jornal do Brasil AM, a Rio de Janeiro, oltre a a di un'esperienza nella anche estinta Antena 1 Rio de Janeiro. 1956 – Esordio in televisione nel cast di Praça da Alegria, all'epoca su RecordTV, dove rimane per 10 anni. 1965 – Protagonista dell'unica soap opera della sua carriera, la commedia Ceará contro 007, la trama più apprezzata di quell'anno in Brasile. Anche in registrazione. 1967 – In "Família Trapo", scrive la sceneggiatura insieme a Carlos Alberto de Nóbrega e interpreta Gordon, il maggiordomo goffo e senza compenso. Ultimo lavoro su Record. 1971 - "Make Humor, Don't Make War" è stato il primo spettacolo comico di TV Globo con il comico. Lo spettacolo nel bel mezzo della Guerra Fredda e del conflitto in Vietnam giocava con lo slogan hippie pacifista "Fai l'amore, non fare la guerra". 1973 - "Satiricom", un nuovo spettacolo comico su TV Globo, diretto da Augusto César Vanucci, scrive sceneggiature con Max Nunes e Haroldo Barbosa. L'attrazione ha satirizzato il titolo dell'omonimo film di Federico Fellini - "Satyricon". Nel promuovere il programma, però, dicevano che si trattava di "satira comunicativa" in un mondo che era diventato un "villaggio globale", espressione in voga dopo i primi anni della tv satellitare. 1976 - "Planeta dos Homens", nuova satira con il cinema - questa volta, la serie di film "O Planeta dos Macacos", recitata con sceneggiature di Haroldo Barbosa. 1981 — "Viva o Gordo", diretta da Walter Lacet e Francisco Milani, è la sua prima mostra personale. Aveva sceneggiature di Armando Costa. Ha dato origine allo spettacolo del genere "one man show" di Jô intitolato "Viva o Gordo, Below the Regime" (satira esplicita del colpo di stato militare del 1964 ancora in vigore all'epoca). Le aperture del programma hanno giocato con effetti speciali utilizzando la tecnica dell'inserimento di immagini di Jô tra scene famose del cinema (come in "Cliente Morto Não Paga" e "Zelig") o "di fronte a" politici nazionali e internazionali, come Orestes Quercia, Jânio Quadros, Ronald Reagan, ecc. 1982 — Partecipazione al "Chico Anysio Show". 1983 Partecipazione al musical per bambini "Plunct, Plact, Zuuum". Commenti su Jornal da Globo fino al 1987. 1988 — "Veja o Gordo", debutta su SBT con lo stesso e