Ungheria

Article

January 30, 2023

L'Ungheria (ungherese: Magyarország, pronunciato: [ˈmɒɟɒrorsaːɡ] (ascolta)) è un paese situato nell'Europa orientale, in particolare nel bacino dei Carpazi. Confina a nord con la Slovacchia, a est con la Romania, a sud con la Serbia, a sud-ovest con la Croazia, a ovest con la Slovenia, a nord-ovest con l'Austria e a nord-est con l'Ucraina. La capitale del paese è la città di Budapest. L'Ungheria è membro dell'Unione Europea, della NATO, dell'OCSE, del Gruppo di Visegrád e dell'Area Schengen. La lingua ufficiale è l'ungherese, che è la lingua non indoeuropea più parlata in Europa.Dopo secoli di successive occupazioni da parte di Celti, Romani, Unni, Slavi, Gepidi e Avari, l'Ungheria fu fondata alla fine del IX secolo dal Grande Il principe ungherese Arpades durante l'Honfoglalás ("conquista della madrepatria"). Il suo pronipote Stefano I salì al trono nell'anno 1000, quando trasformò il paese in un regno cristiano. Fino al XII secolo, l'Ungheria era una potenza media nel mondo occidentale, raggiungendo il suo apice nel XV secolo. Dopo la battaglia di Mohács nel 1526 e circa 150 anni sotto l'occupazione ottomana (1541-1699), l'Ungheria riapparve sotto il dominio asburgico e in seguito formò una parte significativa dell'Impero austro-ungarico (1867-1918)). I suoi confini attuali furono stabiliti per la prima volta dal Trattato di Trianon (1920) dopo la prima guerra mondiale, quando il paese perse il 71% del suo territorio, il 58% della sua popolazione e il 32% dell'etnia ungherese. Dopo il periodo tra le due guerre, l'Ungheria si unì alle Potenze dell'Asse nella seconda guerra mondiale, quando subì gravi danni. L'Ungheria passò sotto la sfera di influenza dell'Unione Sovietica, che contribuì all'instaurazione di un governo comunista che regnò per quattro decenni (1947-1989). Il paese ha guadagnato ampia attenzione internazionale a causa della rivoluzione del 1956 e dell'apertura parziale del suo confine precedentemente limitato con l'Austria in 1989, che ha accelerato il crollo dell'intero blocco orientale. Il 23 ottobre 1989, l'Ungheria è tornata ad essere una repubblica parlamentare democratica e attualmente ha un'economia ad alto reddito con un alto indice di sviluppo umano (HDI). Il paese è anche una popolare destinazione turistica, che attrae circa 10 milioni di visitatori all'anno. L'Ungheria ospita il più grande sistema di sorgenti termali e il secondo lago termale più grande del mondo (lago Hévíz), il più grande lago dell'Europa centrale (lago Balaton) e i più grandi pascoli naturali del continente europeo (il Parco nazionale di Hortobágy).

Etimologia

Il toponimo "Ungheria" è stato ricevuto dalla lingua portoghese dal francese Hongrie. Si ritiene che il termine abbia avuto origine nel VII secolo, quando le tribù magiare facevano parte di un'alleanza bulgara chiamata On-Ogour, che in turco bulgaro significa "dieci frecce". Il gentile "ungherese" è registrato in portoghese dal 1512.

Storia

Anzianità

L'Impero Romano stabilì la provincia della Pannonia nella regione ad ovest del Danubio. Nel IV secolo, con le ondate migratorie, gli Unni passarono per le terre ungheresi e fondarono un impero che finì nel 455. Dopo la caduta dell'Impero Romano nel 476, ondate migratorie di Germani, Slavi, Avari, Franchi, Bulgari e, seguirono , infine, Magiari, questi alla fine del IX sec. Secondo la tradizione, i Magiari attraversarono i Carpazi ed entrarono nella pianura pannonica nell'895, sotto la guida di Árpád, il capo dei Magiari che voleva avvicinarsi all'Europa cristiana. Nell'anno 1000, il re Santo Stefano I, figlio di Géza della dinastia degli Arpads, fondò il Regno d'Ungheria, ricevendo una corona inviata da papa Silvestro II e sedimentò il regno nel 1006, con lo sterminio degli oppositori che credevano nella fede pagana. Tra il 1241 e il 1242, un'invasione mongola devastò l'Ungheria, con grandi perdite di vite e proprietà. Quando i mongoli se ne andarono, il re Béla IV ordinò la costruzione di castelli in pietra, che sarebbero stati importanti nella battaglia contro gli ottomani nel secolo