Fumarola

Article

October 3, 2022

La fumarola (dal latino fumus, fumo) è un'apertura nella superficie della crosta terrestre (o di qualsiasi altro corpo celeste), situata solitamente in prossimità di un vulcano, che emette vapore acqueo e gas come anidride carbonica (mofette), anidride solforosa, acido cloridrico e acido solfidrico. La denominazione sulfatara, dall'italiano solfo, zolfo (tramite il dialetto siciliano), è data alle fumarole che emettono gas solforosi. Le fumarole sono uno dei diversi tipi di vulcanismo secondario.Le fumarole possono verificarsi lungo piccole fessure o zone di frattura nelle rocce, formando allineamenti, o in zone di frattura, come scatole di faglia, a volte formando estesi campi di fumarole. I campi di fumarole, come Furnas, sull'isola di São Miguel, nelle Azzorre, sono aree di concentrazione di sorgenti termali e altre manifestazioni geotermiche, generalmente associate ad aree in cui rocce ignee calde si trovano a basse profondità e interagiscono con le falde acquifere. Altri corrispondono a zone di degasaggio di formazioni, dove il magma sottostante perde gas che raggiungono la superficie con temperature e concentrazioni sufficientemente elevate da essere facilmente notate. Un buon esempio di attività fumarolica estrema è la famosa Valle dei Diecimila Fumi, formatasi durante l'eruzione del 1912 del vulcano Novarupta in Alaska. Inizialmente c'erano migliaia di fumarole nella cenere di raffreddamento, ma nel tempo la maggior parte di esse si è estinta con il raffreddamento dei materiali. Le fumarole possono persistere per decenni o secoli se si trovano su una fonte di calore a lungo termine, o scomparire rapidamente se sono associate a materiali vulcanici che perdono rapidamente calore. In tutte le regioni vulcaniche sono comuni le fumarole, spesso associate a geyser e altre manifestazioni di termalismo. L'intensità dei gas rilasciati, e la loro visibilità, variano molto a seconda dello stato di ricarica delle falde acquifere, dell'umidità relativa dell'aria (che può rendere molto più denso il vapore emesso) e della marea terrestre, tra molti altri fattori. Pertanto, è comune notare grandi variazioni giornaliere e stagionali nel funzionamento delle fumarole senza che ciò indichi alcun cambiamento nelle condizioni del vulcanismo locale.

Fumarole delle Azzorre

Le fumarole sono molto comuni nelle Azzorre, a volte formano vasti campi. Ecco alcuni dei più noti: Fumarolas das Furnas, sull'isola di São Miguel, associata a geyser e sorgenti termali; Fumarole di Lagoa das Furnas, note per essere utilizzate come luogo per cucinare i pasti (lo stufato di Furnas); Fumarole di Fogo da Ribeira Quente, situate nell'area urbana della parrocchia di Ribeira Quente, essendo comuni lungo le grondaie di Rua do Fogo; Fumarole di Caldeira Velha, a Ribeira Grande; Le fumarole a Ribeira Seca, nell'area urbana della parrocchia di Ribeira Seca, hanno già costretto all'abbandono di diverse abitazioni per l'immissione di gas tossici nelle condotte fognarie; Furnas do Enxofre, nella parte centrale di Terceira; Furna do Enxofre, Graciosa. Situate all'interno della grande grotta di Furna do Enxofre, rilasciano anidride carbonica che ha già causato la morte di alcuni visitatori; Fumaroles das Velas, fumarole subacquee all'interno della baia di Velas (vicino a Cais da Queimada), isola di São Jorge, a volte visibili gorgogliando in superficie; Fumarolas do Piquinho, fumarole situate in cima a Pico sull'isola di Pico, ad un'altitudine di circa 2350 m sopra il mare. A volte, dalla città di Horta, puoi vedere il tenue vapore che sprigionano.

Vedi anche

fumo nero fango bollente vulcano di fango

Riferimenti