famiglia linguistica

Article

February 1, 2023

Una famiglia linguistica è un gruppo di lingue rigorosamente identificato ed è un'unità filogenetica, ovvero tutti i suoi membri derivano da un antenato comune. Questo antenato è generalmente molto poco conosciuto, poiché la maggior parte delle lingue ha una storia scritta molto breve. Nonostante ciò, è possibile recuperare molte delle sue caratteristiche applicando il metodo comparativo, una procedura ricostruttiva messa a punto nel XIX secolo dal linguista August Schleicher. Ciò può dimostrare la validità di molte delle famiglie proposte elencate di seguito.

Riconoscimento delle famiglie

Le famiglie possono essere suddivise in unità filogenetiche più piccole, convenzionalmente denominate rami familiari, perché la storia di una famiglia linguistica è spesso rappresentata da un diagramma ad albero. Tuttavia, il termine "famiglia" non è limitato a nessun livello di questo "albero"; la famiglia germanica, ad esempio, è un ramo della famiglia indoeuropea. Alcuni tassonomi limitano in una certa misura il termine "famiglia", ma c'è poco consenso su come farlo. Quelli che normalmente suddividono anche i rami in gruppi e i gruppi in sottogruppi, ecc. Aggregano anche le famiglie in phyla (note anche come superfamiglie). Le super famiglie sono spesso utilizzate per aggregare famiglie linguistiche degli indiani d'America. Un modo per fare tutta questa classificazione è chiamato glottocronologia.

Proto-lingua

L'antenato comune di una famiglia è noto come proto-lingua. Ad esempio, la proto-lingua ricostruibile della nota famiglia indoeuropea è chiamata proto-indoeuropea. Questa lingua non è nota dai documenti scritti poiché era parlata prima dell'invenzione della scrittura, ma a volte una protolingua può essere paragonata a una lingua storica conosciuta. In questo modo, i dialetti provinciali del latino (cosiddetto latino volgare) hanno dato origine alle lingue latine, il che rende la lingua ancestrale delle lingue latine molto simile al latino (sebbene meno simile al latino letterario degli scrittori classici) ; Allo stesso modo, i dialetti norvegesi sono considerati la protolingua di norvegese, svedese, danese, faroese e islandese.

Lingue isolate

Le lingue che non possono essere classificate in modo affidabile in nessuna famiglia sono conosciute come lingue isolate. Una lingua isolata nel proprio ramo all'interno di una famiglia, come il greco all'interno della famiglia indoeuropea, viene solitamente chiamata anche lingua isolata, ma casi come questi vengono solitamente chiariti. Ad esempio, il greco può essere considerato una lingua indoeuropea isolata.

Famiglie più numerose

Secondo i dati di Ethnologue, le famiglie linguistiche più grandi, in termini di numero di lingue, sono: Nigero-congolese (1514 lingue) Austronesiano (1268 lingue) Trans-neoguineano (564 lingue) (validità contestata) Indoeuropeo (449 lingue) sino-tibetano (403 lingue) Afro-asiatico (375 lingue) Nilo-sahariana (204 lingue) Pama-Nyungans (178 lingue) Lingue ottomane (174 lingue) (numero contestato; Lyle Campbell ne include solo 27) Austro-asiatici (169 lingue) Sepik-ramus (100 lingue) (validità contestata) Tai-kadais (76 lingue) Macro-Tupi (76 lingue) Dravidico (73 lingue) Maya (69 lingue) uralico (30 lingue) Mongolo (13 lingue)

Vedi anche

tronco linguistico elenco delle lingue Elenco delle lingue dei segni

Note e riferimenti

Collegamenti esterni

Lingue del mondo Numero di parlanti per lingua