anni '90

Article

December 4, 2022

Secondo lo standard internazionale dell'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) per la rappresentazione di data e ora, gli anni '90, detti anche anni '90 o addirittura anni '90, comprendono il periodo di tempo compreso tra il 1 gennaio 1990 e il 31 gennaio 1999.

Panoramica

Gli anni '90 sono iniziati con il crollo dell'Unione Sovietica e la fine della Guerra Fredda, seguiti dal consolidamento della democrazia, della globalizzazione e del capitalismo globale. Fatti notevoli per il decennio sono stati la Guerra del Golfo e la divulgazione del personal computer e di Internet. La prosperità economica sperimentata da molti paesi durante gli anni '90 era di natura simile a quella sperimentata negli anni '20 e '50. Ogni periodo di prosperità era il risultato di un cambiamento di paradigma negli affari globali. I cambiamenti negli anni '90 sono stati in parte il risultato della conclusione della Guerra Fredda. Al crollo del comunismo seguirono ottimismo e speranza, ma gli effetti della fine della Guerra Fredda erano appena iniziati, come l'avvento dei terroristi nelle regioni del Terzo Mondo, in particolare in Asia. Il Primo Mondo ha registrato una crescita economica costante per tutto il decennio. Il Regno Unito, dopo una recessione nel 1991-92 e la svalutazione della sterlina, ha raggiunto 51 trimestri consecutivi di crescita che sono seguiti nel nuovo secolo. Anche nazioni sottorappresentate come la Malesia hanno visto miglioramenti giganteschi. Ma va notato che l'economia statunitense è rimasta senza crescita durante la prima metà del decennio. Molti paesi, istituzioni, aziende e organizzazioni hanno considerato gli anni '90 come "tempi prosperi". Politicamente, gli anni '90 sono stati caratterizzati da una democrazia espansiva. I paesi dell'ex Patto di Varsavia sono presto passati da regimi totalitari a governi eletti. Lo stesso è accaduto con i paesi in via di sviluppo (Taiwan, Cile, Sudafrica e Indonesia). Nonostante la prosperità e la democrazia, c'era un significativo "lato malvagio". In Africa, l'aumento dei casi di AIDS e le innumerevoli guerre hanno portato a una diminuzione dell'aspettativa di vita ea nessuna crescita economica. Nelle ex nazioni sovietiche, c'era fuga di capitali e PIL in calo. Le crisi finanziarie nei paesi in via di sviluppo erano comuni dopo il 1994, sostenute dalla globalizzazione. Ed eventi tragici come le guerre balcaniche, il genocidio ruandese, la battaglia di Mogadiscio e la prima guerra del Golfo, nonché l'ascesa del terrorismo, hanno portato all'idealizzazione dello scontro di civiltà. Ma questi fatti sono stati ricordati con rilevanza solo negli anni 2000. La cultura giovanile accettava il Grunge come mezzo ed era molto diversificato, ramificandosi in tribù in un universo sociale molto diversificato che andava dal superficialismo e consumismo alla militanza ambientalista e anti-globalizzazione. Colpisce anche l'espressione nei vestiti e attraverso tatuaggi e piercing, così come l'uso di droghe con l'emergere dell'ecstasy legato alla cultura della musica elettronica e l'aumento del consumo di marijuana nella classe media. In Brasile, i giovani sono diventati sempre più coinvolti nel sesso in tenera età e sono stati anche vittime di un aumento della violenza nei grandi centri urbani. Iniziano a circolare diversi spot antidroga con la frase finale: "Droga, non morta"

In Brasile

Gli anni '90 sono iniziati con l'instabilità, con la confisca dei risparmi al presidente Fernando Collor. I loschi accordi di Collor avrebbero poi portato migliaia di giovani (mobilitati da una forte campagna mediatica) a creare il movimento dei "volti dipinti" e a chiedere il suo impeachment.Nel prossimo governo (Itamar Franco), il Paese conobbe stabilità economica e crescita con il Real Plan (1994), che eguagliava la parità valutaria e dollaro attraverso una fascia di cambio. Il ministro delle Finanze che ha attuato il Real, Fernando Henrique Cardoso, sarebbe eletto presidente