Belgio

Article

February 1, 2023

Belgio (olandese: België [ˈbɛl.ɣi.jə] (ascolta); francese: Belgique [bɛlʒik] (ascolta); tedesco: Belgien [ˈbɛlɡiən] (ascolta)), ufficialmente Regno del Belgio (olandese: Koninkrijk België , in francese: Royaume de Belgique, in tedesco: Königreich Belgien), è un paese situato nell'Europa occidentale. È uno dei membri fondatori dell'Unione Europea (UE), che ospita anche le sedi centrali e quelle di altre importanti organizzazioni internazionali come l'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO). Il Belgio ha una superficie di 30 528 chilometri quadrati e una popolazione di circa 10,7 milioni di abitanti. Occupando il confine culturale tra l'Europa germanica e l'Europa latina, il Belgio è costituito fondamentalmente da due gruppi linguistici: i fiamminghi, che parlano l'olandese, e i valloni, che parlano il francese, oltre a un piccolo gruppo di persone che parlano la lingua tedesca. . Le due più grandi regioni del Belgio sono la regione di lingua olandese delle Fiandre nel nord, con il 59% della popolazione, e la regione francofona della Vallonia, nel sud, abitata dal 31% dei belgi. La regione ufficialmente bilingue di Bruxelles è un'enclave francofona nella regione fiamminga e conta il 10% della popolazione. Nella Vallonia orientale esiste una piccola comunità di lingua tedesca. La diversità linguistica del Belgio e i conflitti politici e culturali si riflettono nella storia politica del paese e nel complesso sistema di governo.Il nome "Belgio" deriva dalla Gallia belga, una provincia romana nella parte settentrionale della Gallia abitata dai belgi, un misto di dei popoli celtici e germanici. Storicamente, Belgio, Olanda e Lussemburgo erano conosciuti come Paesi Bassi, un nome usato per designare un'area leggermente più grande dell'attuale gruppo di paesi chiamato Benelux. Dal tardo Medioevo fino al XVII secolo, il paese fu un fiorente centro di commercio e cultura. Dal XVI secolo fino alla Rivoluzione belga del 1830, molte battaglie tra le potenze europee furono combattute nell'area dell'attuale Belgio, tanto che il paese fu soprannominato il "Campo di battaglia d'Europa", una reputazione rafforzata dai due Guerre. Dopo la sua indipendenza, il Belgio partecipò presto alla Rivoluzione Industriale e, alla fine del XIX secolo, aveva diverse colonie in Africa. La seconda metà del XX secolo è stata caratterizzata dal sorgere di conflitti comunali tra fiamminghi e valloni, alimentati da differenze culturali e da un'evoluzione economica asimmetrica tra Fiandre e Vallonia. Questi conflitti, ancora attivi, hanno determinato profonde riforme dall'ex Stato unitario belga a Stato federale.

Etimologia

Il nome "Belgio" deriva dalla Gallia belga, una provincia romana nella parte settentrionale della Gallia, abitata dai belgi, un misto di popoli celtici e germanici.

Storia

Origine e formazione

Gallia Belgio, provincia dell'Impero Romano nella parte settentrionale della Gallia che, prima dell'invasione romana nel 100 aC, era abitata dai Belgi, un misto di popoli celtici e germanici. La graduale immigrazione dei Franchi, una tribù germanica, durante il V secolo portò l'area sotto il dominio dei re Merovingi. Un graduale cambiamento di potere durante l'VIII secolo portò il regno franco a evolversi nell'impero carolingio. Il Trattato di Verdun dell'843 divise la regione in Francia orientale e Francia occidentale e quindi in un insieme di feudi più o meno indipendenti che, durante il Medioevo, furono vassalli del re di Francia o dell'imperatore del Sacro Romano Impero. Paesi Bassi borgognoni del XIV e XV secolo. L'imperatore Carlo V estese l'unione personale delle diciassette province nel 1540, diventando molto più di un'unione personale con la Pragmatica Sanzione del 1549 e aumentando la sua influenza sul Principato-Vescovado di Liegi.