Austria

Article

January 31, 2023

L'Austria (tedesco: Österreich [ˈøːstɐˌʁaɪç] (ascolta)), ufficialmente Repubblica d'Austria (tedesco: ? Republik Österreich), è un paese di circa 8,9 milioni di abitanti situato nell'Europa centrale. Confina a nord con la Germania e la Cechia (Czeki), a est con la Slovacchia e l'Ungheria, a sud con la Slovenia e l'Italia e a ovest con la Svizzera e il Liechtenstein. Il territorio austriaco si estende per 83 872 chilometri quadrati ed è influenzato da un clima temperato e alpino. Il terreno dell'Austria è molto montuoso per la presenza delle Alpi; solo il 32% del paese è a meno di 500 metri di altitudine e il suo punto più alto raggiunge i 3.797 metri. La maggior parte della popolazione parla il tedesco, che è anche la lingua ufficiale del paese. Altre lingue regionali riconosciute sono il croato, l'ungherese e lo sloveno.Le origini dell'Austria risalgono all'epoca dell'Impero Romano, quando il Regno Norreno, di origine celtica, fu conquistato dai Romani intorno al 15 a.C. e divenne poi Norica, Provincia romana nella metà del I secolo d.C. in un'area che copriva gran parte dell'attuale Austria. Nel 788 d.C., il re franco Carlo Magno conquistò l'area e introdusse il cristianesimo. Sotto la dinastia degli Asburgo, l'Austria divenne una delle grandi potenze europee. Nel 1867, l'Impero austriaco si unì all'Ungheria, formando così l'Austria-Ungheria. L'impero austro-ungarico crollò nel 1918 con la fine della prima guerra mondiale. Dopo aver costituito la Prima Repubblica Austriaca nel 1919, l'Austria fu infatti annessa alla Grande Germania dal regime nazista nel cosiddetto Anschluss nel 1938. Tale unione durò fino alla fine della seconda guerra mondiale nel 1945, quando l'Austria fu occupata dagli Alleati . Nel 1955, il Trattato di Stato austriaco ristabilì l'Austria come paese sovrano e pose fine all'occupazione. Nello stesso anno, il parlamento austriaco creò la Dichiarazione di neutralità, che stabiliva che il paese sarebbe diventato politicamente neutrale. Oggi l'Austria è una democrazia parlamentare rappresentativa composta da nove stati federali. La capitale, con una popolazione di oltre 1,6 milioni di abitanti e la città più grande dell'Austria, è Vienna. L'Austria è uno dei paesi più ricchi del mondo, con un PIL nominale pro capite di 43,570 dollari USA. Il paese ha sviluppato un elevato tenore di vita e nel 2008 si è classificato 14° al mondo nell'indice di sviluppo umano (HDI). L'Austria è membro delle Nazioni Unite dal 1955, ha aderito all'Unione europea nel 1995 ed è uno dei fondatori dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). L'Austria ha anche firmato l'accordo di Schengen nel 1995 e ha adottato la moneta europea, l'euro, nel 1999.

Etimologia

Il nome tedesco per l'Austria, Österreich, significava "regno orientale" in antico alto tedesco, ed è nella famiglia del termine Ostarrîchi, che appare per la prima volta nel "Documento Ostarrîchi" del 996. Questa parola è probabilmente una traduzione dal latino medievale Marchia Orientalis per un dialetto locale (bavarese). Austria era un marchio bavarese creato nel 976. Il termine "Austria" è una latinizzazione del nome germanico ed è stato registrato per la prima volta nel XII secolo. A quel tempo, il bacino danubiano dell'Austria (Alta e Bassa Austria) era l'estremo oriente della Baviera e in effetti di tutti i tedeschi, poiché a quel tempo il territorio dell'ex Germania dell'Est era popolato da slavi sorbi e slavi polabiani. Friedrich Heer, storico austriaco del XX secolo, afferma nel suo libro Der Kampf um die österreichische Identität (La lotta per l'identità austriaca) che la forma germanica Ostarrîchi non era una traduzione del termine latino, ma che entrambi erano il risultato di un termine più antico originario delle lingue celtiche dell'antica Austria: più di 2.500 anni fa, la maggior parte del territorio attuale era chiamato Norig dalla popolazione celtica (Cultura di Hallstatt); secondo Heer, no- o nor- significava "orientale" o "orientale",