La guerra dei sette anni

Article

June 27, 2022

La guerra dei sette anni (1756–1763) - la guerra tra Gran Bretagna, Prussia e Hannover e Francia, Austria, Russia, Svezia e Sassonia. Era una guerra globale: i combattimenti si svolgevano in Europa, Nord America, India e nelle isole dei Caraibi. Nella fase successiva del conflitto, Spagna e Portogallo si unirono alla guerra e i Paesi Bassi, le cui forze furono attaccate in India, inizialmente cercarono di rimanere neutrali. Questa guerra può essere considerata una guerra egemonica (vi prese parte la maggior parte delle potenze dell'epoca, e fu anche una fase decisiva nella quasi centenaria lotta franco-britannica per la supremazia in Nord America e la supremazia nel mondo ). La guerra fu caratterizzata da assedi e incendi di città, ma anche battaglie in campo aperto, con gravissime perdite. Si stima che durante la guerra siano morte tra le 900.000 e le 1.400.000 persone.

Motivi

diretto attacco e sequestro della Sassonia da parte del re prussiano Federico II il Grande indiretto conflitto tra Gran Bretagna e Francia per le colonie in Nord America alleanze tra Francia e Austria (il cosiddetto rovesciamento delle alleanze) e tra Inghilterra e Prussia La ricerca dell'egemonia globale da parte della Gran Bretagna e l'eliminazione della Francia come principale concorrente Il desiderio dell'Austria di riconquistare la Slesia odio della zarina russa Elisabetta Romanova per il Regno di Prussia

Chilometraggio

In Europa

Cominciò il 29 agosto 1756 con l'invasione della Sassonia da parte delle truppe prussiane, guidate da Federico II il Grande. L'Austria si mosse contro la Prussia, volendo riconquistare la Slesia (la cosiddetta Terza Guerra di Slesia). Nel 1757 la Russia entrò in guerra - a fianco dell'Austria e della Francia contro la Prussia, occupando Królewiec e annunciando l'annessione della Prussia (orientale) alla Russia. Nell'agosto 1759, nella battaglia di Kunowice, le truppe prussiane furono sconfitte dalla coalizione russo-austriaca. Nell'ottobre 1760 Berlino fu occupata da austriaci e russi per diversi giorni. Durante la Guerra dei Sette Anni, la Polonia, sebbene in unione personale con la Sassonia, rimase neutrale. Tuttavia, divenne l'area di marcia delle truppe dei partecipanti al conflitto, principalmente russe, che, operando dal territorio del Commonwealth, si impadronirono delle aree da Królewiec a Berlino, minacciando l'esistenza del regno prussiano nel 1762. Poi, tuttavia, morì la zarina Elżbieta Piotrowna - il nemico mortale del re prussiano, e il suo successore Pietro III, che adorava Federico II, ordinò l'immediata ritirata dell'esercito russo e consegnò persino parte del suo esercito a Federico (il cosiddetto miracolo della Casa di Brandeburgo). Pietro III fu assassinato dopo pochi mesi di regno e Caterina II (1762-1796) prese il suo posto. Ben presto decise che né la caduta né la vittoria della Prussia erano nell'interesse della Russia e decise di ritirarsi dalla guerra. La guerra terminò con la firma del trattato di pace a Hubertusburg (Sassonia) il 15 febbraio 1763, che concedeva la Slesia e la terra di Kłodzko alla Prussia.

In colonie

Nelle colonie, la guerra fu il risultato della rivalità franco-britannica. I combattimenti tra le forze di questi paesi iniziarono nel 1754 vicino al fiume Ohio in Nord America. La Gran Bretagna dichiarò guerra alla Francia il 15 maggio 1756. Nel corso delle ostilità, la Gran Bretagna ottenne due grandi vittorie sulla Francia nel 1759: a Quebec (13 settembre) ea Quiberon Bay (20 novembre). La conquista dell'Avana pesantemente fortificata il 13 agosto 1762 si rivelò un vero shock per la Spagna. La guerra nelle colonie si concluse con la Pace di Parigi (10 febbraio 1763), che fu un complesso accordo che definiva i diritti sui singoli territori. Segnò la sconfitta della Francia, che perse alla Gran Bretagna alcuni possedimenti d'oltremare: incl. Canada e alcune altre colonie in America e India. La Francia ha cessato di essere una grande potenza