Proletariato

Article

January 31, 2023

Proletariat (latino proletarius "appartenente alla classe più povera, non pagante le tasse, dando allo stato solo prole" da proles "prole, prole") - una delle classi sociali distinte in sociologia.

Il significato originale di

Nell'antica Roma per proletariato si intendeva la fascia più povera della popolazione, anche legalmente handicappata. L'Atto sulle XII Tavole della Tavola 1 stabilisce che assiduo vindex assiduus esto, proletario iam civi quis volet vindex esto (solo [altro] detentore può essere garante del detentore, chiunque voglia garantire per il proletario). Quando le piccole fattorie crollarono nella tarda repubblica, il proletariato romano crebbe a causa della migrazione di masse di contadini impoveriti verso la città, che doveva essere impedita dalle riforme di Grakch. L'antico proletariato era, soprattutto nella tarda repubblica e nel primo impero, uno strato parassitario, mantenuto dallo stato libero da grano e altri doni (panem et circenses). In parte dai proletari (che servivano come paga e la speranza di ricevere un bottino e un appezzamento di terreno come parte del trattamento di fine rapporto), fu reclutato un esercito dal tempo della riforma di Caio Mario. Gradualmente, soprattutto nel tardo impero, le fasce povere della popolazione, dette urbane e rurali (plebs urbana e plebs rustica), furono messe ai lavori forzati, nelle campagne erano fittavoli (colonie) e braccianti agricoli assegnati alla terra, in città artigiani addetti alle botteghe.

Terminologia dell'era industriale

Durante la rivoluzione industriale del diciannovesimo secolo, i lavoratori impiegati nelle fabbriche erano indicati come il proletariato di fabbrica. Gli operai venivano reclutati da contadini impoveriti o dagli impiegati di laboratori artigianali e fabbriche in declino. Secondo Karl Marx, il proletariato è una classe sociale privata dei mezzi di produzione, contrapposta ai proprietari dei mezzi di produzione, cioè la borghesia, che è quindi in costante conflitto con essa, visibile nella scala del lungo processo storico. Assumeva la divisione della società in due classi che rimanevano in rapporti antagonistici - capitalisti, cioè proprietari dei mezzi di produzione (terra, fabbriche, capitale finanziario) e proletari, cioè lavoratori che non avevano questi mezzi e quindi costretti a vendere la loro forza lavoro . Credeva che tra loro ci fosse una lotta di classe costante. Lo strato superiore dei lavoratori è stato descritto da Karl Marx come l'aristocrazia della classe operaia.

Significato attualmente postulato

Nella società dell'informazione, il proletariato, a differenza del digitalizzato, si considera una classe sociale senza accesso alle tecnologie dell'informazione, in particolare alla rete Internet globale. A causa del cambiamento nella natura del lavoro da lavoro manuale a lavoro intellettuale, alcuni autori indicano la trasformazione del proletariato in un intellettuale.

Vedi anche

I Proletariato, II Proletariato, III Proletariato sottoproletariato cogitariato precariato

Note a piè di pagina