Pandemia di covid-19

Article

June 27, 2022

Pandemia COVID-19 - una pandemia della malattia infettiva COVID-19 causata dal coronavirus SARS-CoV-2. È iniziata come un'epidemia il 17 novembre 2019 nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, nella Cina centrale, ed è stata dichiarata pandemia dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) l'11 marzo 2020. Nel periodo da novembre 2019 a gennaio 2020, la malattia è comparsa principalmente nella città di Wuhan, nella Cina centrale, ma già a metà gennaio il virus si è diffuso in tutta la Cina. Nella seconda metà di febbraio sono scoppiati focolai di infezioni con centinaia di pazienti in Corea del Sud, Italia e Iran. Dal 4 marzo 2020 sono state registrate infezioni da SARS-CoV-2 in Polonia. Il 13 marzo 2020, l'OMS ha annunciato che l'Europa è diventata il centro della pandemia di coronavirus. Successivamente, la malattia si è diffusa in altri continenti e l'Antartide è diventata l'ultima a essere diagnosticata nel dicembre 2020. Entro il 2 dicembre 2021, erano stati segnalati quasi 264,3 milioni di casi di infezione da SARS-CoV-2 in 192 paesi e territori. Di questo numero, ci sono quasi 25,9 milioni di casi attivi, più di 238 milioni di guarigioni e oltre 5,24 milioni di morti. A livello internazionale, sono state adottate misure per prevenire la diffusione delle infezioni. I viaggi sono stati ridotti, sono state introdotte quarantene e coprifuoco e una serie di eventi sportivi, religiosi e culturali sono stati rinviati o cancellati. Sono state introdotte misure di polizia in Cina e Corea del Sud. Alcuni paesi hanno chiuso le frontiere o introdotto restrizioni al traffico frontaliero, compresi gli arrivi di passeggeri, e restrizioni alle persone che attraversano il confine. Negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie è stato introdotto il controllo della temperatura dei passeggeri. A causa dello scoppio della pandemia, scuole e università sono state chiuse a livello nazionale o locale in 177 paesi, che nella dimensione globale hanno colpito quasi 1,27 miliardi di alunni e studenti (72,4%) al culmine. La pandemia ha causato sconvolgimenti sociali ed economici globali, inclusa la più grande recessione globale dalla Grande Depressione. Ritardati o annullati eventi sportivi, religiosi, politici e culturali, e diffuse carenze di approvvigionamento, esacerbate da acquisti presi dal panico, e per ridurre le emissioni di inquinanti e gas serra (Ing.). Le teorie del complotto e la disinformazione sul virus hanno iniziato a diffondersi su Internet e nei media. Ci sono stati numerosi casi di xenofobia e razzismo contro i cinesi e altre persone nell'est e nel sud-est asiatico.

Epidemiologia

I primi casi della nuova malattia che causa la polmonite sono stati segnalati a metà dicembre 2019 tra i residenti associati al mercato all'ingrosso di frutti di mare di Huanan, il mercato di animali e frutti di mare a Wuhan. Indagini successive hanno mostrato che questa posizione era importante nella sua diffusione, ma la prima infezione non doveva verificarsi lì. I primi non potevano essere infettati direttamente sul mercato. All'inizio di gennaio 2020, scienziati cinesi hanno isolato un nuovo coronavirus da campioni prelevati da pazienti, che si è rivelato geneticamente simile al virus della SARS che causa la sindrome respiratoria acuta grave (SARS). Secondo il consenso scientifico, il virus SARS-CoV-2 è di origine naturale. Il movimento di persone in connessione con le celebrazioni del capodanno cinese nella seconda metà di gennaio ha notevolmente facilitato la diffusione dei contagi in Cina. Allo stesso tempo, il virus si stava diffondendo anche al di fuori del paese: il primo caso al di fuori dei suoi confini è stato confermato il 13 gennaio in Thailandia. I primi casi di infezione da COVID-19 in Europa, invece, sono stati registrati il ​​24 gennaio in due persone residenti in Francia. Il 30 gennaio, il Comitato per le minacce dell'OMS ha raccomandato gli annunci