ORP Batory

Article

June 27, 2022

Batory - una motovedetta della Guardia di frontiera della Seconda Repubblica Polacca (SG), varata il 23 aprile 1932 a Modlin. Lotta al contrabbando marittimo. Fu mobilitato in Marina durante la guerra difensiva del 1939 come ORP Batory. Era famoso per la sua fuga il 1 ottobre 1939 dalla capitolazione Hel in Svezia, dove fu internato. Dopo la guerra fu bonificato e fino al 1957 prestò servizio nelle Forze di protezione delle frontiere (WOP) con i nomi di Hel, 7 Listopada, Dzerzhinsky e KP-1. Dopo la smobilitazione, ha navigato sulla Vistola e Zalew Zegrzyński come unità di addestramento della Lega di difesa nazionale (LOK). Dal 1975 è stata una nave monumento al porto di Hel e dal 2009 è stata una mostra del Museo Navale di Gdynia. È la più antica nave sopravvissuta di costruzione e costruzione polacca.

Progettazione e costruzione

Nel 1930, la Guardia di frontiera decise di costruire moderne navi per combattere il contrabbando: una barca da inseguimento e tre motovedette. Il comandante della guardia di frontiera, colonnello Jan Jur-Gorzechowski, ha pianificato che l'unità di inseguimento sarebbe stata costruita in collaborazione con i cantieri italiani, sulla base del loro progetto. Ci si aspettava che uno scafo sarebbe stato costruito nel cantiere navale di Modlińska e che gli italiani lo avrebbero equipaggiato. Quando alla decisione mancava solo la firma, il Comando della Guardia di Confine ha chiesto all'Ing. Aleksandra Potyrała per un parere sul progetto. Nel parere, l'autore metteva in dubbio due caratteristiche fondamentali del progetto italiano: uno scafo a fondo piatto, non adatto al servizio nel Mar Baltico in condizioni di onde corte e alte, e la scelta di una propulsione composta da due soli motori a benzina, molto antieconomico a una velocità di pattuglia fissata dalla Guardia di frontiera a 12 nodi. In quel periodo venne ideato un nuovo concept costruttivo, sviluppato dall'Ing. Aleksander Potyrał, caratterizzato da forme ovali dello scafo con una costruzione sperimentale di acciaio misto e duralluminio, che consente all'unità di svolgere compiti in tutte le condizioni atmosferiche. Se necessario, gli elementi in duralluminio dovevano essere sostituiti con elementi in acciaio a Stocznia Modlińska a sue spese e qualsiasi riduzione della velocità del cutter non poteva essere la base per i reclami della guardia di frontiera. La propulsione doveva consistere in tre motori: due carburatori a benzina per una velocità massima di 25 nodi e un motore diesel per una velocità economica di 12 nodi. Alla fine, è stato deciso che questo concetto sarebbe stato la base per la progettazione della barca da inseguimento da costruire presso il cantiere navale polacco. L'unità è stata progettata dall'Ing. Aleksandra Potyrał e costruito nel cantiere navale fluviale di Państwowe Zakłady Inżynierii a Modlin. I lavori iniziarono alla fine del 1930. La costruzione ha dovuto affrontare numerose difficoltà causate dall'utilizzo di una nuova tecnologia per la costruzione di uno scafo in acciaio e duralluminio oltre alla complicazione del sistema di propulsione costituito da ben tre potenti motori e dalla necessità di sistemarlo in un piccolo scafo. Il 23 aprile 1932 il cutter fu lanciato lateralmente da uno scalo di alaggio e il 7 maggio la sua costruzione fu completata. Nei primi tentativi non è stato possibile raggiungere una velocità superiore ai 23 nodi. Ciò è stato risolto riducendo il passo dei motori da inseguimento facendo in modo che il fornitore, Theodor Zeise, perforasse le loro lame. Secondo alcune fonti, tale operazione sarebbe stata effettuata solo dopo la revisione del 1933, per riportare l'unità alla precedente velocità di inseguimento, diminuita con l'aumentare della cilindrata e del pescaggio. Al nuovo tentativo sono stati ottenuti 24,85 nodi, come da contratto consentendo una tolleranza di 0,2 nodi dal valore target di 25 nodi. La prova di velocità è stata eseguita in un miglio di misurazione situato nelle vicinanze della penisola di Hel, perché le prime prove nel porto di Gdynia hanno causato un'onda così grande che l'ufficio del capitano ne ha vietato la continuazione