Papa Giovanni Paolo II

Article

February 2, 2023

Giovanni Paolo II (latino Ioannes Paulus PP. II, di proprietà di Giovanni Paolo II, nato Karol Józef Wojtyła; nato il 18 maggio 1920 a Wadowice, morto il 2 aprile 2005 in Vaticano) - Sacerdote cattolico polacco, vescovo ausiliare di Cracovia ( 1958-1964), poi arcivescovo metropolita di Cracovia (1964-1978), cardinale sacerdote (1967-1978), vicepresidente della Conferenza episcopale polacca (1969-1978), 264º Papa e 6º Sovrano del Vaticano Città nel 1978-2005. Santa Chiesa Cattolica. Poeta e poliglotta, oltre che attore laico, drammaturgo e insegnante. Filosofo della storia, fenomenologo, mistico e rappresentante del personalismo cristiano. Il 16 ottobre 1978 fu eletto papa dalla seconda assemblea dei cardinali dopo la morte di Giovanni Paolo I, morto dopo trentatré giorni di pontificato. Ha preso i nomi di Giovanni Paolo per onorare il suo predecessore. La sua elezione alla Sede di Pietro ha avuto un impatto particolare sugli eventi in Europa orientale e in Asia negli anni '80 e '90, in particolare sui cambiamenti democratici in Polonia e in altri paesi del blocco orientale. Fin dall'inizio del suo pontificato, condusse vigorose azioni contro il comunismo e l'oppressione politica. L'obiettivo principale del papato era trasformare e cambiare la posizione della Chiesa cattolica, voleva “mettere la sua Chiesa al centro di una nuova alleanza religiosa che riunisse ebrei, musulmani e cristiani in una grande armata religiosa”. Ha contribuito al miglioramento dei rapporti della Chiesa cattolica con l'ebraismo, l'islam, la Chiesa ortodossa e la comunità anglicana. È stato uno dei leader mondiali più viaggiati della storia, visitando 129 paesi durante il suo pontificato, interpretato come un desiderio di costruire relazioni tra diverse nazioni e religioni. Ha condiviso l'insegnamento della Chiesa su questioni come il mantenimento del celibato, la condanna della contraccezione meccanica, chimica e ormonale, l'opposizione all'aborto e all'eutanasia, ha sostenuto la posizione della Chiesa sul diritto alla vita e la prevenzione dell'ordinazione delle donne, per la quale è stato criticato da alcuni, e anche se ha sostenuto le riforme del Concilio Vaticano II, è stato visto come conservatore nella sua interpretazione di queste riforme. Ha combattuto contro la teologia della liberazione, ha anche stigmatizzato il capitalismo sfrenato e il consumismo, nonostante abbia ripetutamente proclamato la superiorità dell'economia di mercato su quella nazionalizzata. Ha beatificato 1.340 e canonizzato 483 persone, più di tutti i suoi predecessori nei cinque secoli precedenti. Nominò la maggior parte del Collegio cardinalizio, consacrò o consacrò molti vescovi e ordinò molti sacerdoti. Fu il terzo papa più longevo della storia, dopo S. Pietro (30–67) e Pio IX (1846–1878), il primo papa dalla Polonia e il primo dall'estero dall'epoca del papa olandese Adriano VI (1522–1523). Morì il 2 aprile 2005. Alla cerimonia funebre hanno partecipato delegazioni di oltre 150 paesi e in Polonia è stato annunciato un lutto nazionale di sei giorni. Il processo di canonizzazione è iniziato un mese dopo la sua morte, con una rinuncia al tradizionale periodo di attesa di cinque anni. Il 19 dicembre 2009 è stato proclamato Venerabile Servo di Dio dal suo successore Benedetto XVI e beatificato il 1° maggio 2011 nella domenica della Divina Misericordia, dopo che la Congregazione delle Cause dei Santi aveva attribuito alla sua intercessione un miracolo di guarigione. Il secondo miracolo è stato approvato il 2 luglio 2013 e confermato da papa Francesco tre giorni dopo. Il 27 aprile 2014 (sempre domenica della Misericordia) è stato canonizzato contemporaneamente a papa Giovanni XXIII. Questo evento è entrato nella storia della Chiesa per la proclamazione di due papi come santi alla presenza di due vescovi di Roma: l'incombente Francesco e il pensionato Benedetto XVI.

Curriculum vitae