olotipo

Article

June 27, 2022

Olotipo - un unico tipo nomenclatorio indicato dall'autore del nome del taxon, in base al quale è stata distinta e descritta una nuova specie o sottospecie, eventualmente anche un taxa nel rango di specie di riferimento per il genere e genere per la famiglia. Prima di selezionare un olotipo, tutti gli esemplari della serie originale sono indicati come sintipi e quando viene selezionato un olotipo, tutti gli esemplari della serie originale sono indicati come paratipi. Quando per qualche ragione l'olotipo non esiste (es. l'autore del nome non ha indicato l'olotipo o l'olotipo indicato non è sopravvissuto), viene selezionato un altro esemplare dalla serie di esemplari raccolti insieme all'olotipo - il cosiddetto lettotipo. Se non esistono né l'olotipo né la serie originale, viene selezionato un nuovo modello, il cosiddetto neotipo. Un soggetto di sesso diverso dal sesso dell'olotipo è un allotipo. Solo olotipi, lectotipi e neotipi hanno un valore reale dal punto di vista della tassonomia. L'esemplare olotipico deve essere conservato in un istituto aperto alla ricerca scientifica e la sua posizione deve essere indicata nella pubblicazione che crea il dato taxon (specie, genere, famiglia). Ad esempio, l'olotipo di farfalla Lycaeides idas longinus si trova nel Museum of Comparative Zoology dell'Università di Harvard (USA), l'olotipo di mammifero estinto Cimolodon presso l'Università di Alberta (Edmonton, Canada) e l'olotipo di diatomea Diatoma polonica nella collezione Institute of Scienze marine dell'Università di Stettino (nelle risorse di Andrzej Witkowski) come preparazione n. 18492. Il luogo (geografico, forse anche stratigrafico) da cui proviene l'olotipo è un luogo tipico (locus typicus). Il termine olotipo è usato anche in mineralogia per nominare un esemplare che è diventato la base per distinguere un nuovo minerale.

Note a piè di pagina

Bibliografia

Codice internazionale di nomenclatura zoologica (ang.). Commissione internazionale sulla nomenclatura zoologica, 1999. [accesso 27-02-2010]. Dunn PJ & Mandarino J.A., 1987: Definizioni formali di campioni minerali tipo. Mineralogista americano, volume 72, pp. 1269-1270.