Una figura di Dio Padre in Falenty

Article

June 27, 2022

Figura di Dio Padre in Falenty - una figura barocca di Dio Padre originariamente situata sulla sommità della facciata della Chiesa Brigida di Varsavia, e ora sul campo di battaglia di Raszyn.

Storia

La scultura proviene dalla bottega di Stephan Schwaner, attivo negli anni 1682-1692 presso il palazzo del re Jan III Sobieski a Wilanów, autore delle decorazioni scultoree per il palazzo di Wilanów. Il suo autore è uno sconosciuto collaboratore di Schwaner. A volte è erroneamente datato alla fine del 18° secolo e descritto come tardo barocco. Inizialmente, la figura era collocata sul lato sinistro del timpano della facciata dell'allora Chiesa della SS. Trinità delle Suore Brigide in ul. Długa (all'angolo di via Nalewki) a Varsavia. Simmetricamente, sul lato destro del timpano, c'era una figura dell'Immacolata, cioè la Madonna dell'Immacolata. Nel 1807 il convento di Brigid fu sciolto e trasformato in caserma. Negli anni 1817-1824 la chiesa fu adibita a laboratorio di artiglieria e ricostruita in stile classicista. Le figure barocche dalla facciata furono rimosse nel 1818. Nel 1828, nel 19° anniversario della battaglia di Raszyn, p. Antoni Zieleniewski, parroco della parrocchia di S. Szczepana a Raszyn, fondò due plinti in mattoni su luoghi simbolici di battaglia, ovvero la diga Falenka (Raszyn) e la tomba dei soldati polacchi al posto di comando del principe Józef Poniatowski e la principale stazione di cannoni a lungo raggio all'estremità settentrionale del villaggio (più tardi all'incrocio tra Krakowska Avenue e Sportowa Street), e uno in arenaria una targa commemorativa. Su questi piedistalli furono collocate statue post-Brigide. La scultura è diventata un elemento del percorso didattico Falenck Grobla nella riserva naturale Stawy Raszyńskie. Le proporzioni delle figure post-Brigide sono descritte come tozze e indicano una voluta deformazione, che si spiega con l'originale esposizione ad alta quota e l'adattamento delle forme all'osservazione da parte dello spettatore in piedi davanti al tempio, cioè ad una angolo molto ampio. La testa della figura di Dio Padre è stata modellata sul busto di Zeus, il cosiddetto Zeus di Otricoli dal 323 a.C. (dal XVI secolo nelle collezioni vaticane (ora Museo Pio-Clementino)). La scultura è una delle poche reliquie della chiesa barocca del monastero di Varsavia, il che la rende uno dei monumenti più preziosi della Mazovia.

Note a piè di pagina