Diatomea polonica

Article

August 10, 2022

Diatoma polonica - una specie di diatomee che si trova nelle acque correnti. Descritto nel 2014 sulla base di esemplari provenienti dai fiumi Carpazi del bacino della Vistola.

Morfologia

Diatomee epilitiche che vivono come elemento del fitobenthos. In natura formano colonie a zigzag. Individui unicellulari di 12–29 µm di lunghezza e 5–7 µm di larghezza. Conchiglie, viste di lato, rettangolari, più o meno ellittiche dall'alto - talvolta ellittico-lanceolate, ma mai lineari (rettangolari). Le estremità sono nettamente arrotondate. Nervature del primo ordine 4-8 distribuite in modo non uniforme in 10 μm. Coste della seconda fila disposte irregolarmente, che spesso non raggiungono il bordo opposto. Campo ialino assiale, a forma di linea molto stretta. Processi labiali a due labbra (rimoportuli) piccoli, appena percettibili, su entrambi i poli della copertura, situati sulle costole di secondo ordine (meno spesso tra le costole). In 10 µm, 40-50 file di areole interrotte da uno stretto sterno di 1-2 µm. In 10 μm circa 80 areole.

Ecologia

Specie d'acqua dolce. Ecologia poco conosciuta. Nell'indice polacco delle diatomee per la valutazione dello stato ecologico dei fiumi (IO), è riconosciuta come specie di riferimento sia per i fiumi carbonatici che di silicati. Gli è stato assegnato un valore dell'indice del trofeo di 1,5 e anche l'indice di saprobia di 1,5, che corrisponde alle preferenze per le acque leggermente inquinate.

Specie simili

La specie più simile nell'aspetto è Diatoma moniliformis. Tuttavia, ha una diversa gamma di dimensioni (8–48 μm di lunghezza e 2–4,5 μm di larghezza), il che lo rende spesso più allungato (il rapporto tra lunghezza e larghezza può raggiungere 16, mentre in D. polonica, leggermente più di 5, tuttavia, questi intervalli non sono disgiunti). Di solito ha anche costole di primo ordine più densamente disposte. Contrariamente a D. polonica, i suoi processi labiali si trovano sulle costole del primo ordine, ma questa caratteristica non è facile da osservare. Specie meno simili sono il Diatoma mesodon di forma simile ma con appendici laterali, rimoportule singole sull'involucro e striature e nervature meno frequentemente distanziate. Anche una rimoportula per involucro presenta la Diatoma tenuis, che ha inoltre estremità a testa e forma lineare. Lo stesso vale per Diatoma problematica, che si verifica anche in un ambiente più eutrofico. Le altre specie sono più difficili da confondere. In pratica, fino all'identificazione della specie, gli individui di D. polonica erano il più delle volte contrassegnati come D. moniliformis e D. problematica atipici.

Scoperta

La diatoma polonica è stata descritta dai siti di Dunajec, Kamienica Zabrzeska e Ropa sulla base di campioni raccolti all'inizio della primavera del 2010 e 2011. La sua presenza è più ampia, ma le è stato dato il nome specifico Polonica dal paese in cui è stata descritta come specie separata. Il primo esemplare descritto al di fuori della regione di scoperta proviene da un corso d'acqua a Cipro. L'olotipo è nella collezione dell'Istituto di Scienze Marine dell'Università di Stettino (nelle risorse di Andrzej Witkowski) come preparazione n. 18492. Il locus typicus della specie è lo sbocco del Kamienica nel Dunajec vicino a Zabrze. La scoperta della D. polonica come nuova specie è associata alla bioindicazione: i campioni in cui è stata trovata sono stati raccolti nell'ambito del monitoraggio della qualità dell'acqua e gli autori del taxon includono dipendenti dell'Ispettorato per la protezione ambientale.

Note a piè di pagina