Cattedrale di Nidaros

Article

June 28, 2022

La cattedrale di Nidaros, in realtà la cattedrale di Nidaros, a Trondheim è la chiesa più centrale della Norvegia al potere per essere la chiesa tombale di Olav il Santo. Oggi è una cattedrale luterana e una chiesa parrocchiale ed è considerato il santuario nazionale della Norvegia. La Costituzione norvegese del 1814 stabiliva che il reggente del Regno di Norvegia sarebbe stato incoronato a Trondheim. La cattedrale di Nidaros fu usata l'ultima volta come chiesa dell'incoronazione nel 1906, quando fu incoronato Haakon VII. Dopo che lo Storting ha abolito la cerimonia di incoronazione nel 1908, la chiesa è stata utilizzata per la firma del re Olav (1958) e del re Harald e della regina Sonja (1991). Le insegne della corona norvegese sono state conservate nella chiesa e ora sono esposte nel vicino Palazzo Arcivescovile. La chiesa fu iniziata intorno al 1070. È stata esposta a numerosi incendi e restauri. L'opera più grande deve essere la ricostruzione della navata, che era rimasta una rovina senza tetto per quasi quattrocento anni dopo l'incendio del 1531. I lavori di restauro della cattedrale di Nidaros iniziarono nel 1869 e l'ultima statua sul fronte occidentale fu eretta nel 1983. Fino alla Riforma del 1537 la chiesa ebbe anche l'alto soprannome di "Cor Norvegiae" (Cuore della Norvegia), perché dietro l'altare maggiore si trovava lo scrigno di Sant'Olav. Un nome più comune era Christ Church a Nidaros; sebbene la chiesa fosse fortemente legata a Sant'Olav, non era dedicata a lui, ma alla Santissima Trinità.

La Chiesa nel Medioevo

La chiesa e la tomba di Olav divennero un'importante meta di pellegrinaggio per tutto il Nord Europa, anche se è provato che i pellegrini provenivano da molte altre parti del mondo cristiano. Nel Medioevo, la cattedrale di Nidaros era la cattedrale di un arcivescovo cattolico (prima del 1153: vescovo) e l'arcidiocesi della provincia della chiesa di Nidaros comprendeva diocesi suffraganee in tutta la Norvegia e nelle allora o ex terre fiscali norvegesi. La responsabilità della preghiera corale della Cattedrale era curata dai ministri del coro agostiniano e dal clero secolare, in quanto queste due categorie all'interno del clero rappresentavano ciascuna la metà dei sacerdoti. I cori agostiniani avevano il loro monastero a Helgeseter, dall'altra parte del Nidelven. Il maniero dell'arcivescovo, che era la residenza dell'arcivescovo, si trovava immediatamente a sud della chiesa.

Dopo la Riforma

Dopo la Riforma, la chiesa continuò come cattedrale nella diocesi di Trondheim per il sovrintendente luterano, che sostituì il vescovo. Dal 1578 la chiesa divenne la chiesa parrocchiale di una parrocchia luterana - la parrocchia della cattedrale di Nidaros - e lo è tuttora. L'ufficio del sovrintendente riacquistò il titolo di vescovo nel 1660 nella diocesi luterana, ma il vescovo luterano non aveva il grado di arcivescovo e non era nemmeno un primate. Il re di Copenaghen era il capo della chiesa e Trondheim non era più la capitale ecclesiastica della Norvegia. La cattedrale di Nidaros è una cattedrale in un contesto europeo, anche se per dimensioni non può competere con le più grandi e magnifiche cattedrali di Francia, Germania e Inghilterra. Delle chiese vescovili medievali nella provincia della chiesa norvegese, sono sopravvissute solo la Cattedrale di Stavanger e la Cattedrale di Magnus sulle Isole Orcadi. La cattedrale di Bergen è quasi completamente scomparsa e la cattedrale di Hallvard a Oslo e la cattedrale di Hamar sono le uniche rovine rimaste. La cattedrale di Nidaros è anche l'unica chiesa in Norvegia che ha una basilica gotica completamente sviluppata con archi a scale.A differenza di tutte le altre parrocchie luterane in Norvegia, la responsabilità della costruzione non è una responsabilità municipale, ma dal 1869 si è occupata del bilancio statale, con il realizzazione dei lavori di restauro della Cattedrale di Nidaros.

Scelta del luogo associata a Olav il Santo

La cattedrale di Nidaros è costruita sul presunto primo luogo di sepoltura temporaneo di Olav Haraldsson, che fu ucciso nella battaglia di Stiklestad nel 1030. Fu deposto per la prima volta in una duna di sabbia da Nidelven appena sopra Trondheimskaupangen, presumibilmente dove si trova oggi il coro nella cattedrale di Nidaros. Tuttavia, questo è stato discusso; una possibile posizione alternativa è al metro sopra Olavskilden presso la casa di Adriano vicino al Nidelven. L'acqua della sorgente è stata recentemente condotta giù nel luogo dove si può vedere oggi. Snorre Sturlason ha riferito