Joachim von Ribbentrop

Article

June 29, 2022

Ulrich Friedrich Wilhelm Joachim von Ribbentrop (nato il 30 aprile 1893 a Wesel, in Germania, giustiziato il 16 ottobre 1946 a Norimberga) è stato un ministro degli Esteri della Germania nazista dal 1938 al 1945. Era un generale (Obergruppenführer) dello Schutzstaffel (SS), il Forza d'élite paramilitare nazista e aveva un background come diplomatico e uomo d'affari. Ha svolto un ruolo chiave nei negoziati sul Patto Anti-Comintern tra Germania e Giappone nel 1936, e successivamente nel Patto Molotov-Ribbentrop tra Germania e Unione Sovietica nel 1939. Ha svolto un ruolo minore nei negoziati sull'Accordo di Monaco in 1938. Ribbentrop credeva che Francia e Gran Bretagna non sarebbero entrate in guerra per salvare la Cecoslovacchia o la Polonia. Ha affermato che la Gran Bretagna sarebbe stata intimidita fino alla neutralità. Non pensava che gli Stati Uniti fossero un serio oppositore della Germania. All'inizio della seconda guerra mondiale, Ribbentrop sostenne l'invasione della Cecoslovacchia e della Polonia. Ha gradualmente indebolito la sua influenza dopo il 1939, quando la diplomazia divenne meno importante. Ribbentrop era contrario all'invasione tedesca dell'Unione Sovietica nel 1941. Ribbentrop aveva la propria capacità di assumere idee semiconcepite dal leader nazista Adolf Hitler e di ricamarle in grandi visioni. All'interno del regime di Hitler, rivaleggiava, tra gli altri, con il maresciallo Hermann Göring e l'ideologo Alfred Rosenberg. Ribbentrop è stato coinvolto nella politica durante il periodo dell'acquisizione di Hitler nel 1933. Ha poi avuto una carriera come uomo d'affari di successo nel commercio di vino e alcolici. Ribbentrop era l'unico nazista di spicco con una cerchia di amici ebrei. In qualità di ministro degli Esteri, fu coinvolto nell'attuazione dell'Olocausto, il genocidio nazista degli ebrei prima e durante la guerra. Dopo la seconda guerra mondiale, le potenze vittoriose alleate consegnarono Ribbentrop alla giustizia nel processo di Norimberga, insieme ad altri massimi leader tedeschi che non si erano suicidati dopo la sconfitta della guerra. Fu condannato a morte e impiccato.

Background e educazione

Joachim Ribbentrop è nato a Wesel nel Rhinprovisen, senza il nobile predicato "von". Suo padre Richard Ulrich Friedrich Wilhelm Ribbentrop (1859–1941) era un tenente colonnello nell'artiglieria ed eccelleva nella prima guerra mondiale. Sua madre era Johanne Sophie Hertwig (1860–1902) e aveva un fratello maggiore e una sorella minore. Il nome della famiglia deriva dal maso Ribbentrup presso Salzuflen a Lippe-Detmold. Ha trascorso gran parte della sua infanzia a Schloß Wilhelmshöhe a Kassel, dove era di stanza suo padre. Intorno al 1900, suo padre era di stanza a Metz, a quel tempo una città di guarnigione tedesca. Ribbentrop ricordava suo padre come una figura severa e distante. Da vedovo, suo padre sposò Deta von Prittwitz und Gaffron, che proveniva da una dinastia di proprietari terrieri prussiani. A Metz, la lingua francese era comune, la famiglia si recò in Francia in vacanza e Ribbentrop trascorse un po' di tempo in una scuola di lingua francese a Grenoble. Per un paio d'anni (mentre suo padre era fuori servizio), la famiglia ha vissuto nella località turistica di Arosa, nei Grigioni, in Svizzera. Ad Arosa, Joachim e suo fratello hanno conosciuto molti nell'ambiente internazionale della città. Insieme a suo fratello, si recò a Londra nel 1909 per imparare l'inglese da conoscenti di Arosa.Nel 1910, i due fratelli si recarono in Canada per far visita a conoscenti. Joachim visse in Canada fino al 1914. Iniziò a insegnare attività bancarie e lavorò dal 1912 nelle ferrovie canadesi. Svolse vari lavori, anche nell'edilizia e come bracciante agricolo. Joachim Ribbentrop era conosciuto lì come un ragazzo carino, ben educato e allegro. Ha anche vissuto per un certo periodo a New York dove ha scritto reportage per i quotidiani. Immaginava un futuro in Canada e si stabilì nel 1913 a Ottawa. Con l'aiuto dell'eredità di sua madre, iniziò come uomo d'affari con, tra l'altro, l'importazione di vini tedeschi. Ad Ottawa incontrò il principe Arthur, figlio del governatore generale e della regina Vittoria, e sua moglie prussiana. Ribbentrop aveva talento sportivo e andava bene nell'equitazione e nel tennis. In Canada si unì alla squadra nazionale di pattinaggio artistico e nel 1914 partecipò al torneo Ellis