Francesco II del Sacro Romano Impero

Article

August 16, 2022

Francesco II Giuseppe Carlo (nato il 12 febbraio 1768 a Firenze, morto il 2 marzo 1835 a Vienna) fu imperatore del Sacro Romano Impero dal 1792 al 1806, e come Francesco I imperatore d'Austria dal 1804 fino alla sua morte nel 1835. È anche conosciuto come Francesco d'Asburgo. Divenne l'ultimo imperatore del Sacro Romano Impero quando, sotto la pressione del sovrano francese Napoleone Bonaparte, sciolse il Sacro Romano Impero nel 1806.

Vita e lavoro

Sfondo

Era il figlio dell'imperatore del Sacro Romano Impero Leopoldo II (1747–1792) e Maria Luisa di Spagna (1745–1792).

Imperatore

In quanto leader di una nazione grande e multietnica, si sentiva minacciato dalla retorica di Napoleone Bonaparte sulla libertà e l'uguaglianza in Europa. Entrò nelle guerre rivoluzionarie francesi e fu sconfitto da Napoleone Bonaparte. Con il Trattato di Campo Formio dovette cedere l'area ad ovest del Reno alla Francia in cambio di Venezia e della Dalmazia. Combatté ancora contro la Francia durante la Seconda Coalizione, ma dopo essere stato sconfitto ad Austerlitz dovette accettare il Trattato di Lunéville, che dissolse il Sacro Romano Impero dopo circa mille anni di esistenza, indebolì la sua corona d'Austria e decentralizzò la Germania. Nel 1809 Franz attaccò nuovamente la Francia, sperando di sfruttare il conflitto in cui Napoleone era in Spagna. Sconfitto di nuovo, fu costretto ad allearsi con Napoleone, cedere territorio, entrare nel Sistema Continentale e sposargli la figlia Maria Luise. In effetti, fu fatto vassallo sotto l'imperatore di Francia. Le guerre napoleoniche indebolirono drasticamente l'Austria e ridussero il prestigio del paese, cosa che in seguito avrebbe aiutato la Prussia a emergere vittoriosa nella battaglia per dominare la Germania. Nel 1813 l'Austria affrontò per la quarta volta la Francia, unendosi alla coalizione di Inghilterra, Russia e Prussia nella loro guerra contro Napoleone, l'Austria giocò un ruolo importante nella sconfitta finale della Francia, e in riconoscimento di ciò furono gli austriaci, rappresentati da Klemens von Metternich, che ha presieduto il Congresso di Vienna, ha contribuito a formare il Concerto d'Europa e la Santa Alleanza, guidando il continente in una nuova era di conservatorismo e reazione. È stato sposato quattro volte: 6 gennaio 1788, con Elisabetta di Württemberg (21 aprile 1767-18 febbraio 1790), morta dopo aver dato alla luce sua figlia Ludovika (1790-1791) 15 agosto 1790, con Maria Teresa di Napoli e Sicilia (6 giugno 1772 – 13 aprile 1807), dalla quale ebbe dodici figli, tra cui il suo successore Ferdinando I e l'imperatrice Maria Luisa di Francia 6 gennaio 1808, con Maria Ludovika d'Austria-Este (14 dicembre 1787-7 aprile 1816) 29 ottobre 1816, con Karoline Charlotte Auguste di Baviera (8 febbraio 1792-9 febbraio 1873)

Riferimenti

Letteratura

Heinrich Drimmel (1981). l'imperatore Francesco. Un übersteht viennese Napoleone. Vienna/Monaco di Baviera: Amaltea. "Biografia 1768-1815" Heinrich Drimmel (1982). Francesco d'Austria. Kaiser des Biedermeier. Vienna/Monaco di Baviera: Amaltea. "Biografia 1815-1835" (de) Hugo Hantsch: "Franz II". In Neue Deutsche Biographie (NDB). Volume 5, Duncker & Humblot, Berlino 1961, ISBN 3-428-00186-9, pp. 358–361 (digitalizzazione). Christian Hattenhauer (1995). Elezione e incoronazione di Francesco II. 1792 DC. Il Sacro Reich incoronò il suo ultimo Kaiser. Das Tagebuch des Reichsquartiermeisters Hieronymus Gottfried von Müller und Anlagen. Francoforte sul Meno: lungo. Thomas Kuster: Das italienische Reisetagebuch Kaiser Franz'I. von Österreich aus dem Jahre 1819. Eine kritische Edition. fil. Diss, Innsbruck 2004 Thomas Kuster: Die Italienreise Kaiser Franz I. von Österreich 1819. In: Römische Historische Mitteilungen. Vol. 46, Roma/Vienna 2004, pp. 305–334. Thomas Kuster: Erzherzog Franz II (Kaiser Franz II./I.). In: Prinzenrolle. Kindheit vom 16. bis 18. Jahrhundert. Ausstellung. Kunsthistorisches Museum, Sammlungen Schloss Ambras. Innsbruck 2007, pp. 241–243, Cat. n. 6.18. Thomas Kuster: Stundenplan per Erzherzog Franz. In: ruolo di principe. Kindheit vom 16. b