Fidel V. Ramos

Article

August 16, 2022

Fidel "Eddie" Valdez Ramos, noto anche come FVR, (nato il 18 marzo 1928 a Lingayen, morto il 31 luglio 2022 a Makati) è stato un ufficiale e politico filippino del partito Lakas Kampi CMD. Dal 1992 al 1998 è stato il dodicesimo presidente delle Filippine, periodo durante il quale molti credevano che avesse rinnovato l'economia del paese. Ramos, che era un metodista, era al momento della sua morte l'unico presidente non cattolico che le Filippine avessero avuto. Tra le altre cose, ha avuto un background come professore presso l'istituto di istruzione metodista Wesleyan University - Filippine a Cabanatuan City a Luzon.

Vita e lavoro

Sfondo

Fidel Valdez Ramos era figlio di Narciso Ramos, giornalista, avvocato membro di lunga data della Camera dei Rappresentanti e ministro degli Esteri che nel 1967 ha co-firmato il Trattato dell'ASEAN a Bangkok. Attraverso sua madre, insegnante e femminista Angela Valdez, era imparentato con il presidente Ferdinand Marcos.

Pista militare

West Point e la guerra di Corea

Nel 1946 Ramos iniziò la sua carriera militare. Ha ricevuto una formazione ufficiale presso l'accademia militare di West Point negli Stati Uniti. Dopo la laurea a West Point nel 1950, seguì un corso di studi presso l'Università dell'Illinois, che completò già nel 1951 come ingegnere civile. Durante la guerra di Corea, dal 1952 al 1953 fu tenente e capo di un addestramento di fanteria.

Ulteriore istruzione e guerra del Vietnam

Dopo la guerra di Corea, ha proseguito gli studi di ingegneria. Ha poi ricevuto addestramento militare nelle unità dell'esercito degli Stati Uniti a Fort Benning in Georgia e Fort Bragg nella Carolina del Nord. A Fort Bragg, nel 1960 fu il miglior diplomato del suo gruppo nella materia "unità speciali, guerra psicologica e trasporto aereo". Dopo il ritorno in patria, divenne nel 1962 fondatore e dal 1965 comandante delle forze speciali nelle Filippine Esercito (AFP-SF). Si trattava di un gruppo di paracadutisti schierato nella lotta contro gli insorti comunisti.A fianco dell'esercito americano, dal 1966 al 1968 durante la guerra del Vietnam, fu capo di stato maggiore del contingente filippino ("Philippine Civil Action Group"/AFP -FILCAG).

Il regime di Marcos e il sostegno a Corazon Aquino

Tra il 1968 e il 1970 è stato vice capo di stato maggiore della Guardia Nazionale. Nel 1970 divenne capo della polizia filippina, allora parte delle forze di difesa filippine, ma in seguito parte della regolare polizia filippina. Nel 1984 divenne tenente generale e vice e capo di stato maggiore ad interim. Durante il suo lungo mandato, Ramos, nonostante i legami di parentela che richiedevano la sua lealtà al presidente Ferdinand Marcos, divenne gradualmente critico nei confronti del presidente e del suo regime. Quando la situazione divenne più critica, verso la fine di gennaio 1986 lui, come l'allora ministro della Difesa Juan Ponce Enrile, rifiutò di accompagnare il presidente e nelle settimane successive sostenne le proteste contro il regime di Marcos durante la rivoluzione dell'EDSA. Ciò ha consentito l'insediamento di Corazon Aquino alla presidenza; era la vedova del politico dell'opposizione assassinato Benigno Aquino. Fidel V. Ramos raggiunse presto l'apice della sua carriera militare quando, nel febbraio 1986, dopo la caduta del presidente Marcos, fu nominato dal presidente Corazon Aquino generale e capo di stato maggiore delle forze armate delle Filippine. Nel gennaio 1988, Fidel Ramos terminò la sua carriera militare attiva e succedette a Juan Ponce Enrile come ministro della Difesa. Ha ricoperto questa posizione fino al 1991. Durante questo periodo ha sostenuto una maggiore preparazione alle catastrofi e la sicurezza e l'ordine nazionale. Allo stesso tempo, nel gabinetto del governo, aveva una responsabilità particolare per lo sviluppo regionale nel sud-ovest delle Filippine.

Presidente dal 1992 al 1998

Nel 1992, Fidel Ramos è stato eletto presidente nelle prime elezioni presidenziali multipartitiche nella storia delle Filippine. Il 30 giugno 1992 ha prestato giuramento come dodicesimo presidente del paese. Fu il primo presidente non cattolico del Paese. Durante i suoi sei anni di mandato, Ramos si è sforzato di cancellare le cicatrici lasciate dai 20 anni di governo di Marcos