Estonia

Article

August 16, 2022

La Repubblica di Estonia (estone: Eesti Vabariik) è un paese del Nord Europa. È il paese più piccolo e più settentrionale delle tre repubbliche che compongono i Paesi baltici. Confina a nord ea ovest con il Mar Baltico, a sud con la Lettonia e a est con la Russia. L'Estonia è costituita da una penisola piatta e nel Mar Baltico troverai le due grandi isole Saaremaa e Hiiumaa. Il confine con la Russia è dominato dal lago Peipus. La popolazione era di circa 1,3 milioni nel 2019. L'Estonia ha fatto parte dell'Impero russo dal 1721 fino alla rivoluzione russa nel 1918 ed è stata soggetta all'Unione Sovietica dalla seconda guerra mondiale fino al 1991. Insieme a Lettonia e Lituania, l'Estonia è stato l'unico paese europeo a diventare indipendente dopo la prima guerra mondiale e perse di nuovo la sua indipendenza. L'Estonia aveva il tenore di vita più alto delle repubbliche sovietiche, significativamente più alto della Russia Storicamente, l'Estonia ha collegamenti con la Svezia e la Danimarca; linguisticamente e culturalmente, i paesi hanno stretti legami con la Finlandia. L'Estonia fu soggetta alla Danimarca tra il 1219 e il 1346 e all'isola estone di Øsel (Saaremaa) tra il 1559 e il 1645, e quindi faceva parte dell'impero coloniale della Danimarca. L'Estonia fu soggetta alla Svezia tra il 1561 e il 1721. La capitale e la città più grande dell'Estonia è Tallinn con 448.764 abitanti (1 gennaio 2018). Prima della seconda guerra mondiale, il 90% della popolazione era estone, ma a causa delle deportazioni e dell'afflusso di russi, la loro quota è scesa al 68,8%. La composizione rimanente è 25,6% russi, 2,1% ucraini, 1,2% bielorussi, 0,8% finlandesi e 1,5% di altri popoli. L'aspettativa di vita per gli uomini è di 73,1 anni e per le donne è di 81 anni. L'Estonia è diventata membro delle Nazioni Unite nel 1991, della NATO nel 2004 e dell'UE nel 2004. Il 1° gennaio 2011 il paese è passato all'euro come valuta. L'Estonia è diventata membro dell'OCSE nel 2010.

Geografia naturale

L'Estonia si trova sulla costa orientale del Mar Baltico con il Golfo di Finlandia a nord, la Russia a est e la Lettonia a sud. Il paese è pianeggiante e l'altezza media non supera i 50 metri, e il punto più alto del paese, Suur Munamägi, si trova nel sud-est con 318 metri. Il substrato roccioso è ricoperto da uno strato di calcare, arenaria e argilla. La costa a nord è caratterizzata da pendii calcarei, "scogliere", che raggiungono al massimo 56 metri di altezza. Il substrato roccioso è profondo sotto le rocce sedimentarie. Nelle parti settentrionali il substrato roccioso è ricoperto da 200 metri di calcare, a sud uno strato di sabbia e argilla spesso circa 600 metri che forma un paesaggio in parte collinare. A ovest e nord-ovest, la costa è bassa e ricoperta di sabbia. Il lago Peipus è anche circondato da spiagge sabbiose. Lo scisto bituminoso (o kukersite, soprattutto a est di Tallinn lungo il Golfo di Finlandia) e il calcare, insieme alle aree forestali che coprono il 47% del paese, svolgono un ruolo economico importante in Estonia, che altrimenti ha poche risorse naturali. L'estrazione e la combustione dell'olio di scisto hanno lasciato cumuli di scorie e cenere lunghi chilometri a Kohtla-Järve, dove una centrale termica ha prodotto così tanta elettricità (intorno al 1980) che l'impianto ha contribuito all'approvvigionamento energetico di Leningrado. Intorno al 1980, 30 milioni di tonnellate di scisti bituminosi venivano estratte ogni anno e si stimava che le riserve durassero per 200 anni al tasso di recupero di allora.L'Estonia ha oltre 1.400 laghi. La maggior parte sono molto piccoli, ma il più grande, Peipus (Peipsi in estone), è con 3.555 km² uno dei laghi più grandi d'Europa. Forma la maggior parte del confine tra Estonia e Russia. La maggior parte dei laghi sono poco profondi (come in Finlandia), Peipus è profondo solo 15 metri. Ci sono anche molti fiumi che scorrono attraverso il paese, il più lungo dei fiumi dell'Estonia è Võhandu (162 km), Pärnu (144 km) e Põltsamaa (135 km). L'Estonia ha anche molte paludi, zone umide e paludi, specialmente nella parte occidentale della terraferma verso il Mar Baltico intorno a Haapsalu. La costa è lunga 3.794 km con molte baie, stretti e calette. Il numero di isole e isolotti è stimato a 1.500 e le due più grandi sono Saaremaa e Hiiumaa, entrambe contee separate. Le isole costituiscono circa il 10% della superficie del paese, circa il 32% della superficie del paese è coltivata, il 21% è torbiera e il 40%