Il grande sostituto

Article

June 28, 2022

La Grande Sostituzione, chiamata anche Grande Cambiamento di Popolazione, Teoria della Sostituzione, Beneficio del Popolo e simili (dal francese le grand remplacement e dall'inglese The Great Replacement o The Great Replacement Theory), è una cospirazione razzista e estremista di destra teoria secondo cui si persegue una politica consapevole per sostituire la popolazione etnica bianca dell'Europa e degli Stati Uniti con immigrati non europei e loro discendenti. Secondo la teoria, la cospirazione segreta porterà alla scomparsa degli indigeni e della cultura tradizionale. Il concetto e le idee sono formulate nell'opuscolo Le Grand Remplacement del 2011, scritto dall'autore nazionalista francese Renaud Camus. La teoria ha le sue radici nelle nozioni più antiche e antisemite secondo cui gli ebrei diventano la maggioranza nella società non ebraica e prendono il potere, ma oggi si applica a diversi gruppi etnici e condizioni. I teorici della cospirazione europei temono che i musulmani del Medio Oriente, dell'Africa e dell'Asia prendano il sopravvento, negli Stati Uniti la minaccia arriverà principalmente dagli afroamericani e dagli immigrati latinoamericani e dai loro figli. Vengono utilizzati anche i termini "genocidio per sostituzione" o "genocidio bianco" (inglese: genocidio bianco). In svedese viene utilizzato in parte il termine scambio popolare ("compensazione etnica"), che in precedenza era usato nel senso di "migrazione", ma ha cambiato il suo significato in "sostituzione" o "sostituzione". che può fermare "il grande sostituto"; si considerano i salvatori dell'Occidente. Il movimento identitario ha reso popolare la teoria del complotto e afferma che l'emigrazione di persone di origine straniera è necessaria per scongiurare la sostituzione. La retorica sulla grande sostituzione è stata ripresa da nazionalisti culturali e razzisti.Dalla crisi dei rifugiati in Europa nel 2015, la teoria del complotto ha incoraggiato il discorso dell'estrema destra. Elementi importanti nella narrazione sono stati i presupposti sull'integrazione fallita e le nozioni quasi scientifiche di culture incompatibili. La teoria è stata promossa anche da importanti politici come i primi ministri Viktor Orbán in Ungheria e Róbert Fico in Slovacchia.

Teoria

Renaud Camus (nato nel 1946) afferma che i politici totalitari ed elitari in Occidente sostituiscono sistematicamente la popolazione bianca in Francia e in Europa con musulmani e altri provenienti dal Medio Oriente e dall'Africa. Lo scopo potrebbe essere quello di ottenere voti tra i nuovi gruppi di popolazione, ottenere la maggioranza per le proprie politiche e quindi mantenere il potere. Martin Sellner ritiene che sia in corso una prevista sostituzione con l'obiettivo di trasformare la società monoetnica in una multiculturale. Sellner afferma che un'élite sovranazionale sta costringendo i popoli europei a questo grande sostituto. Camus ha descritto l'"immigrazione di massa" in Francia come una "invasione" e che la nazione culturale storica è "colonizzata" attraverso un "trasferimento di popolazione". L'immigrazione di "culturali stranieri", l'eccesso di natalità in questi gruppi e il calo delle nascite tra i bianchi hanno portato a un cambiamento demografico. La vecchia maggioranza della popolazione diventerà una minoranza nella propria area, e alla fine i valori e le società tradizionali occidentali scompariranno, secondo Camus. Martin Sellner, leader del movimento identitario in Austria, sostiene che i tassi di natalità in Austria stanno diminuendo contemporaneamente all'aumento della popolazione. Il movimento identitario sostiene che gli austriaci scompariranno presto come popolo perché sono nati troppo pochi bambini; ciò è supportato dalle statistiche sul tasso di natalità tra le donne nate in Austria rispetto a quelle turche. Il movimento identitario è fondamentale per provocare l'aborto. Sellner ritiene che «l'aborto