La guerra franco-tedesca

Article

August 16, 2022

La guerra franco-tedesca, nota anche come guerra franco-prussiana (tedesco: Deutsch-Französischer Krieg; francese: Guerre franco-allemande) e in Francia conosciuta come la guerra del 1870, fu combattuta tra la Francia e la Confederazione della Germania settentrionale sotto il governo prussiano leadership con gli stati della Germania meridionale di Baden, Baviera e Württemberg, nonché con il Granducato d'Assia tra il 19 luglio 1870 e il 10 maggio 1871. Dopo una serie di sconfitte francesi nella fase iniziale della guerra, quasi la metà della forza francese fu circondata a Metz e la nuova forza di salvataggio francese fu schiacciata in una battaglia a Sedan, dove l'imperatore francese Napoleone III si arrese ai tedeschi . Ciò ha portato alla creazione della Terza Repubblica francese. La guerra si concluse con una schiacciante vittoria tedesca dopo che le forze tedesche avevano conquistato Parigi, e durante la guerra la Germania fu unita sotto la guida della Prussia.

Sfondo

La guerra franco-tedesca del 1870-71 ebbe molte e profonde cause. I francesi ei tedeschi, così come i loro governi, diffidavano l'uno dell'altro. Il cancelliere della Germania settentrionale e il primo ministro prussiano Otto von Bismarck avevano perso ogni fiducia nella Francia, dopo che il paese nel 1866 sosteneva ancora l'Austria nonostante il fatto che Napoleone III e Bismarck in un incontro a Biarritz nell'ottobre 1865 avessero deciso di non interferire nella disputa sulla pretesa dell'Austria sulla regione italiana del Veneto. La Francia voleva quindi contribuire a provocare una guerra tra Germania e Austria, principalmente sulla base della disputa sulla gestione dello Schleswig e dell'Holstein dopo la seconda guerra dello Schleswig attraverso la guerra austro-prussiana nel 1866. In Francia, la Prussia era vista con diffidenza e invidia, aumento del potere dopo la guerra austro-prussiana, sopravvalutava l'avversione all'unità tedesca sotto il dominio prussiano che prevaleva negli stati della Germania meridionale e sperava, spesso con l'aiuto dell'Austria, di vendicarsi di Sadowa. Inoltre, la promessa di Otto von Bismarck di completare la collezione con "sangue e ferro", così come la convinzione di Napoleone III e del suo entourage che una guerra gloriosa potrebbe consolidare la dinastia e fermare la crescente opposizione alla politica interna del governo. La causa scatenante, tuttavia, fu la candidatura al trono di Spagna del principe Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen. Il governo spagnolo offrì il trono a Leopoldo. Il principe e la sua famiglia erano in dubbio, e diede due risposte negative, nell'autunno del 1869 e nell'inverno del 1870. La sua posizione fu condivisa dal re Guglielmo I di Prussia, che, come capo della casa di Hohenzollern, prese parte nelle trattative. Bismarck non fu coinvolto nelle trattative, ma le seguì con interesse, convinto che un legame tra Prussia e Spagna potesse tenere a bada la Francia. Attraverso agenti segreti, Bismarck riuscì a convincere il governo spagnolo a riprendere i negoziati, e poiché aveva vinto il principe ereditario Fredrik per la sua causa, il principe Leopoldo fu convinto nel maggio 1870 a cambiare la sua decisione e ad accettare l'offerta del trono spagnolo. Prima che l'elezione reale potesse aver luogo in Spagna, tuttavia, il piano divenne noto a Parigi. Il governo francese, in particolare il ministro degli Esteri Antoine Agénor de Gramont, che aveva sperato di infliggere alla Prussia una sconfitta diplomatica, chiese in tono aggressivo che la candidatura del principe fosse formalmente ritirata dal governo di Berlino. Fece visitare il suo ambasciatore, il conte Vincent Benedetti, re Guglielmo di Bad Ems per convincerlo a fare una tale dichiarazione. Il re, volendo porre fine alla sua vita in pace, replicò negativamente che il caso non riguardava la Prussia, ma solo il principe personalmente, e si affrettò il 13 luglio a dare a Benedetti una partecipazione alla decisione finale del principe e alla sua benedizione. Il telegramma che il re inviò a Bismarck per informarlo del suo colloquio con Benedetti (Ems dispeschen), fu pubblicato da Bismarck la sera stessa sui giornali. È successo in una forma facilmente modificabile; Bismarck ha fatto sembrare che il re avesse un