Le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki

Article

August 16, 2022

Le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki furono sganciate il 6 e 9 agosto 1945 sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Le due bombe atomiche hanno ucciso circa 135.000 persone a causa di radiazioni letali dirette, ustioni e ferite da caduta e oggetti volanti. Nel corso del tempo, circa il doppio delle persone sono morte per ferite riportate, danni da radiazioni dirette, inalazione di polvere radioattiva e ingestione di cibi e bevande contaminati radioattivamente. Inoltre, coloro che sono sopravvissuti alle bombe e i loro discendenti hanno lottato con effetti tardivi come cancro e deformità.

Sfondo

Il motivo principale dietro il bombardamento atomico era il desiderio di costringere il Giappone ad arrendersi incondizionatamente. Sebbene molti importanti giapponesi fossero sul punto di arrendersi, non avevano accettato l'ultimatum degli alleati di farlo incondizionatamente. Il 14 agosto, otto giorni dopo il primo attacco nucleare e cinque giorni dopo il secondo, il governo giapponese ha inviato una resa formale agli Stati Uniti. Gli americani avevano ottenuto ciò che volevano, ma le bombe atomiche che avrebbero tormentato le vittime per gli anni a venire sono rimaste. I militari hanno selezionato diversi obiettivi strategici per le bombe: Kyoto, Hiroshima, Yokohama, Kokura, Niigata e forse il Palazzo Imperiale di Tokyo. Kyoto è stata tolta da questa lista a causa dei numerosi templi antichi della città. Nagasaki era un obiettivo secondario.

Hiroshima nell'agosto 1945

Hiroshima era di importanza sia militare che industriale. Diverse unità militari avevano sede nelle vicinanze, la più importante delle quali era il quartier generale della seconda armata generale del feldmaresciallo Shunroku Hata, che era responsabile della difesa di tutto il Giappone meridionale e aveva sede nel castello di Hiroshima. Hata comandava circa 400.000 uomini. La maggior parte erano di stanza a Kyushu, dove i giapponesi - giustamente - presumevano che l'invasione alleata fosse pianificata per aver luogo. Hiroshima era anche sede del quartier generale della 59a armata, della 5a divisione e della neonata 224a divisione. La città era difesa da cinque batterie (7 e 8 centimetri (2,8 e 3,1")) di cannoni antiaerei della 3a divisione di difesa aerea, con unità del 121° e 122° reggimento di difesa aerea e del 22° e 45° battaglioni di difesa aerea separati. Il totale era di oltre 40.000 militari di stanza in città. Hiroshima era una base logistica e di approvvigionamento minore per l'esercito giapponese, ma aveva anche grandi magazzini di equipaggiamento militare. La città era un centro di comunicazione, un porto chiave per la spedizione e un'area di sosta per le forze armate. Hiroshima era anche la seconda città più grande del Giappone ancora illesa dai raid aerei, solo Kyoto era più grande. Il motivo era probabilmente che Hiroshima non aveva produzione di aerei, che era l'obiettivo prioritario del XXI Bomber Command. Il 3 giugno, la città è diventata un bersaglio proibito dei bombardamenti, insieme a Kokura, Niigata e Kyoto. Il centro della città aveva molti edifici in cemento armato e edifici più leggeri. Fuori dal centro c'erano piccole falegnamerie vicine tra le case. Alcuni stabilimenti industriali più grandi erano situati in periferia. Le case erano in legno con tetti di tegole e molti degli edifici industriali erano costruiti attorno a strutture di legno arrugginite. La città era quindi molto vulnerabile al fuoco. La popolazione di Hiroshima era salita a oltre 381.000 all'inizio della guerra, ma le evacuazioni sistematiche dalle grandi città ne avevano successivamente ridotto il numero. Quando arrivò l'attacco, la città contava probabilmente 340.000–350.000 abitanti. I residenti sono rimasti sorpresi dal fatto che la città fosse stata risparmiata dai bombardamenti. Alcuni hanno ipotizzato se la città fosse stata risparmiata per diventare un quartier generale dell'occupazione militare statunitense, altri credevano che i loro parenti alle Hawaii e in California avessero implorato le autorità statunitensi di risparmiare la città. Ma per tutto il tempo le scale antincendio sono state costruite ed estese, fino al mattino dell'attacco.

Nagasaki nell'agosto 1945

Nagasaki era un importante porto e città industriale che svolse anche un ruolo importante nello sforzo bellico giapponese. Qui furono costruite navi e furono prodotte munizioni e materiale bellico. Il 90 per cento della forza lavoro lavorava in industrie di importanza militare. Nagasaki non era stata colpita da bombe incendiarie, ma ciò era dovuto alla mancata prenotazione di una possibile bomba nucleare,