Article

June 28, 2022

Il Trattato Antartico del 1 dicembre 1959 è un accordo internazionale sul ghiaccio e sulle aree terrestri a sud di 60 gradi di latitudine sud. Al trattato hanno aderito dodici stati, tutti attivi in ​​Antartide durante l'Anno geofisico internazionale (1957-58). Gli stati erano: Argentina, Australia, Belgio, Cile, Francia, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Sudafrica, Regno Unito, Stati Uniti ed ex Unione Sovietica. L'entrata in vigore è stata il 23 giugno 1961. A partire da settembre 2015, il trattato è stato firmato da 51 paesi.Lo scopo principale del trattato è garantire che l'Antartide sarà sempre utilizzata per scopi pacifici e non sarà teatro o soggetto di internazionali conflitti. Il trattato include il divieto di basi militari in Antartide e il divieto di esplosioni nucleari e lo smaltimento di materiale radioattivo. Nel 1998 è entrato in vigore il Protocollo sulla protezione ambientale al Trattato Antartico. Questo designa l'Antartide come una riserva naturale dedicata alla pace e alla scienza e impegna le parti a una protezione completa dell'ambiente antartico e degli ecosistemi associati. Gli Stati che hanno aderito al trattato non devono fare nulla per affermare, sostenere o negare rivendicazioni territoriali in Antartide, ma dichiarano anche che gli Stati non hanno dichiarato le proprie rivendicazioni territoriali al momento dell'adesione. Per la Norvegia, questo vale per due biland norvegesi: Peter I Øy e Dronning Maud Land. Il Segretariato del Trattato Antartico è stato istituito nel 2004 per amministrare le riunioni e coordinare la cooperazione tra le parti contraenti.

Riferimenti

Collegamenti esterni

Sito ufficiale (it) Trattato Antartico - categoria di immagini, video o audio su Commons Trattato Antartico. Istituto Polare Norvegese