portoghese

Article

August 17, 2022

Il portoghese (língua portuguesa, o semplicemente português) è una lingua romanza mondiale parlata in Portogallo, Brasile, Angola, Guinea-Bissau, Sao Tomé e Principe, Timor Est, Capo Verde, Mozambico e altre aree come Goa in India e Malacca ( Cristao) in Malesia. È parlato anche da una minoranza a Macao, dove è una lingua ufficiale. In Galizia, un'area della Spagna a nord del Portogallo, si parla galego (galiziano); ufficialmente una lingua diversa, ma è molto simile al portoghese. I paesi di lingua portoghese cooperano in materia linguistica nella Comunità dei paesi di lingua portoghese.

Altoparlanti

Secondo un rapporto dell'UNESCO del 2000, il portoghese era allora parlato da 176 milioni di persone. Ora ce ne sono diverse decine di milioni in più a causa della crescita della popolazione. Ad esempio, il numero dei brasiliani è salito a 181 milioni (2004). È una lingua ufficiale dell'Unione Europea, del Mercosul e dei paesi della Comunità dei Paesi di lingua portoghese sopra menzionati.

Origine e distribuzione

Il predominio delle lingue romanze nella penisola iberica risale alla fine del III secolo a.C., quando i romani conquistarono le colonie cartaginesi stabilite lì e stabilirono l'area come provincia della Hispania. Parte della differenziazione fonologica tra le diverse regioni iberiche può essere spiegata dalle diverse lingue parlate dai popoli lì prima dell'arrivo dei romani. Il portoghese deriva dal latino popolare dei territori romani di Gallaecia e Asturica, un'area relativamente isolata dove la lingua non si è evoluta con il latino delle altre parti della penisola. Tra il V e il VII secolo arrivarono gli invasori germanici e la Galizia divenne un regno di Sueban. Quando i Visigoti presero il potere nel VII secolo, esistevano già differenze tra galiziano e castigliano.La principale divisione delle lingue romanze nella penisola (dal IX secolo) era quella tra catalano da un lato, strettamente imparentata con l'occitano e i cui parlanti passarono sotto il dominio dei Franchi per diversi secoli, e d'altra parte gli altri dialetti della Spagna e del Portogallo, chiamati collettivamente ispano-romanici, in cui gradualmente emerse un'ulteriore distinzione tra i popoli governati dagli arabi nel sud (mozarabico) e i popoli sotto il dominio cristiano nel nord. Nel corso della reconquista, l'unità politica e con essa quella linguistica si frammentarono, fino a quando due dei dialetti risultanti, castigliano e portoghese, divennero infine le lingue nazionali di Spagna e Portogallo. L'Algarve fu conquistata a metà del XIII secolo da sovrani cristiani che parlavano galiziano. Il portoghese moderno deriva dal galiziano; le due lingue si separarono nel periodo 1350-1500, un periodo politicamente turbolento strettamente legato all'ascesa della famiglia reale di Avis nel 1383. Lo status del portoghese come lingua globale è strettamente legato al passato coloniale del Regno del Portogallo . I viaggi di scoperta portoghesi iniziarono dal 1415 con la conquista di Ceuta e le successive spedizioni africane guidate da Enrico il Navigatore. Dopo che Cristoforo Colombo si recò in America per conto della corona spagnola nel 1492, Portogallo e Spagna (in realtà Castiglia) firmarono il Trattato di Tordesillas nel 1494 per evitare guerre coloniali. Inoltre, tutti i territori d'oltremare a est del meridiano 1770 km a ovest di Capo Verde furono assegnati al Portogallo. Nel 1529, il Trattato di Saragozza estenderà la linea di demarcazione dall'altra parte del mondo. A seguito del Trattato di Tordesillas, il Brasile, ancora sconosciuto agli europei nel 1494, venne in seguito in Portogallo.

Caratteristiche

Il portoghese in Brasile differisce dal portoghese nelle altre aree. Tuttavia, è avvenuta una riforma dell'ortografia (l'Acordo