Colonizzazione

Article

August 17, 2022

La colonizzazione si riferisce a migrazioni su larga scala in cui i migranti mantengono forti legami con la loro terra precedente o quella dei loro antenati, e attraverso tali legami ottengono privilegi significativi sugli altri abitanti del territorio. Quando la colonizzazione avviene sotto la protezione di strutture chiaramente coloniali, è spesso accompagnata da coloni che espropriano completamente gli abitanti precedenti, o stabiliscono strutture legali e di altro tipo che li svantaggiano sistematicamente.In biologia, la colonizzazione è l'insediamento di organismi in un'area relativamente vuota, dove poi si forma una nuova popolazione perché c'è poca o nessuna concorrenza incontrata. Il concetto biologico di colonia si riferisce anche a una popolazione (un gruppo di organismi della stessa specie che vivono insieme), oa un gruppo di microrganismi su un substrato o su un terreno di coltura.

Etimologia e concetti correlati

Il latino colonia significa insediamento di contadini. Ne derivano alcuni toponimi, come Colonia, che in origine si chiamava Colonia Claudia Ara Agrippinensium. Inoltre, deriva anche dal latino Colere che significa abitare. Colonialismo e colonizzazione sono strettamente correlati e talvolta difficili da separare; quindi sono discussi qui insieme. Per ulteriori informazioni, vedere Colonizzazione e imperialismo.

Storia

Colonizzazione europea

Le colonizzazioni storiche più importanti sono senza dubbio quelle di molti paesi dell'Europa occidentale in altri continenti.

Prime colonizzazioni: Fenici e Greci

I Fenici dell'attuale Libano e la loro colonia di Cartagine, divenuta potente, stabilirono colonie in tutto il Mar Mediterraneo. Li troviamo sulla costa nord africana e sulla costa occidentale iberica. Queste città fortificate facevano parte di una vasta rete commerciale. Le poleis greche avevano un surplus di popolazione nel periodo compreso tra il 750 e il 500 aC che non poteva essere ospitato in Grecia. In Sicilia e nell'Italia meridionale, tanto greco che la regione fu chiamata "Nuova Grecia", sulle coste nord e sud dell'Asia Minore e nell'Italia meridionale furono fondate città (kléruchi). Queste città (chiamate "ap-oikia" o "lontano da casa") erano organizzate in modo greco e mantenevano un legame con la loro città madre greca o metropoli. Con i coloni greci, l'eterna sanguinosa rivalità tra città come Atene e Siracusa si estese anche al resto del Mediterraneo. Alessandro Magno fondò nuove città in tutto il suo impero macedone conquistato dai Persiani, in cui si stabilirono i veterani del suo esercito.

colonizzazione romana

L'Impero Romano stabilì colonie ovunque si presentassero condizioni favorevoli. Le nuove città pianificate furono chiamate coloniee. Alcuni esempi sono Colonia (Colonia Claudia Ara Agrippinensium) e Arancio (Colonia Julia Firma Secundanorum Arausio). Le colonie ospitavano i veterani delle legioni che erano stati ricompensati con terreni nella zona per il loro fedele servizio. L'imperatore Adriano fondò città in tutto il suo impero che furono colonie e punte di diamante dell'ellenizzazione e della romanizzazione dell'area circostante. Gli abitanti, a differenza dei membri delle tribù che vivevano in quella zona, erano cittadini romani. I romani basarono la loro colonizzazione sul principio del profitto. I loro territori e colonie conquistati dovevano servire uno scopo economico o un interesse strategico. Come per le colonie greche, l'influenza degli insediamenti romani è ancora evidente oggi. Spiegano la diffusione delle lingue romanze e persino della tipica lingua dei segni greca o romana che sono sopravvissute fino ad oggi.

Colonizzazione nel Medioevo

La Grande Migrazione nell'Alto Medioevo fu un processo insufficientemente organizzato perché la colonizzazione avesse luogo