Colonia (politica)

Article

August 10, 2022

Una colonia (plurale: colonie, colonie) è un territorio governato da uno stato sovrano, ma non rientrante nel territorio effettivo di quella madrepatria. In origine, la colonizzazione era l'insediamento di una parte di una popolazione al di fuori del territorio effettivo di quel popolo. Nelle successive colonizzazioni, anche la popolazione autoctona fu soggiogata.

Storia Colonie europee

Dalle conquiste nel XVI secolo da parte dei paesi dell'Europa occidentale nelle Americhe, i territori conquistati d'oltremare sono anche comunemente indicati come colonie. Oltre alla maggior parte dei paesi dell'Europa occidentale, anche Russia e Giappone stabilirono colonie tra il XVI e il XIX secolo. Fino al XX secolo il possesso di colonie era abbastanza generalmente accettato per i paesi dell'Europa occidentale, non solo per ragioni economiche; anche il prestigio nazionale ha avuto un ruolo, oltre agli sforzi missionari culturali e religiosi. La maggior parte delle colonie stabilite nel corso dei secoli sono ora diventate stati indipendenti. Soprattutto nei primi decenni dopo la seconda guerra mondiale, molte colonie divennero indipendenti (vedi decolonizzazione). Tuttavia, si parla ancora di neocolonialismo per indicare la dipendenza economica del Terzo Mondo (la maggior parte delle ex colonie) dall'Occidente o dalla Cina. Nella storia si possono distinguere due fasi del colonialismo. Nella prima fase, le potenze europee occupano solo le aree costiere e le città costiere di altri continenti. Malattie tropicali, terreni sconosciuti e difficili e una popolazione ostile hanno semplicemente avuto un tributo eccessivo. Gli spagnoli ei portoghesi, che furono i primi a intraprendere viaggi di scoperta e colonizzazione, penetrarono solo lentamente anche nell'interno sudamericano. Solo nelle aree in cui il clima era favorevole per gli europei (Nord America), gli europei si stabilirono nelle profondità dell'interno. Nella seconda fase, iniziata all'incirca a metà del XIX secolo, il miglioramento degli armamenti, delle comunicazioni, dei trasporti e dell'assistenza sanitaria permise alle potenze europee di rivendicare vasti territori, e lo fecero. Nel periodo Meiji, il Giappone fu l'unico paese non occidentale ad acquisire in modo indipendente una serie di conquiste occidentali e a costruire un impero coloniale in Cina e nella penisola coreana; nel 1905 ha sbalordito il mondo vincendo la guerra russo-giapponese. La Cina era ancora un impero indipendente, ma doveva fare molte concessioni territoriali e commerciali al Giappone ea varie potenze europee. Le potenze europee divisero tra loro quasi tutta l'Africa. Intorno al 1900, un quarto della popolazione totale era britannica. Il mondo era allora in gran parte al potere e sotto l'influenza delle potenze coloniali europee o era un'ex colonia europea (quest'ultima principalmente in Nord e Sud America). Ciò cambierebbe davvero solo dopo la seconda guerra mondiale. Le potenze coloniali erano Paesi Bassi, Regno Unito, Portogallo, Francia, Spagna, Germania, Russia (in Siberia, Asia centrale e Alaska), Belgio, Italia, Giappone, Stati Uniti e - meno conosciuti - anche i paesi scandinavi Danimarca (Groenlandia , le Isole Faroe, le attuali Isole Vergini americane, Tranquebar in India e la Gold Coast danese), la Svezia (poi Delaware e Saint-Barthélemy) e la Norvegia (Spitsbergen, Jan Mayen e Bouvet Island). Anche il piccolo ducato di Curlandia acquisì due colonie (Tobago e Gambia).

Colonie iberiche

Gli stati iberici di Spagna e Portogallo furono le prime potenze coloniali. Dopo la Reconquista, rimasero con un gran numero di soldati disoccupati, che cercarono fortuna come conquistadores nel Nuovo Mondo. Al Trattato di Tordesillas nel 1494, papa Alessandro VI divise i territori non europei tra Spagna e Portogallo. Nella Guerra degli ottant'anni (1568-1668), però, si affacciano sulla scena due rivali: la Gran Bretagna e l'Olanda. Questi paesi furono in grado di competere con spagnoli e portoghesi, soprattutto in Asia, dopo di che questi paesi ritirarono le loro potenze coloniali