Karel Herman Beyen

Article

August 17, 2022

Karel Herman (Has) Beyen (2 marzo 1923 - 2 gennaio 2002) è stato un funzionario, amministratore, banchiere e politico olandese per il VVD.

Dati personali

Karel Herman Beyen apparteneva alla famiglia Nieuwkapelle Beijen. Sebbene il suo nome ufficiale fosse Beijen, preferiva l'ortografia Beyen. Suo padre Johan Willem Beyen (1897-1976) è stato banchiere e ministro degli Affari esteri dal 1952 al 1956. Sua madre era Petronella J.G. (Nelly) Hijmans van Anrooij. Beyen ha sposato l'americana Sally Brunet nel 1954, nata a New York nel 1927. Hanno vissuto a Bruxelles e Laren, tra gli altri. Sally Brunet vi morì nel 1976. Nel 1979 Beyen si risposò con Wilhelmina M.A. (Willemijn) Brom, nato nel 1944. Beyen ha avuto un figlio dal suo primo matrimonio: Karel Willem (Wim) Beyen (1955-1998). Beyen è morto nel 2002.

Posizioni nel governo e nel mondo degli affari

Dopo gli studi in giurisprudenza, Has Beyen ha lavorato presso uno studio legale americano e poi presso l'ambasciata olandese a Washington DC, dove è stato distaccato come impiegato del Tesoro generale del Ministero delle finanze. Nelle sue stesse parole, era del tutto casuale che anche suo nonno e suo padre avessero iniziato la loro carriera al Tesoro. Dal 1953 al 1957 ha lavorato presso il Segretariato Internazionale della NATO a Parigi. Ha poi ricoperto diversi incarichi nel mondo bancario, sia in Olanda che all'estero. Dal 1970 al 1978 è stato membro del consiglio di amministrazione di AMRO Bank e responsabile delle operazioni estere della banca. Prima e dopo la sua carica di Segretario di Stato, ha ricoperto numerosi incarichi di amministratore delegato e altri incarichi accessori.

Segretario di Stato

Dal 1978 al 1981, Has Beyen è stato Segretario di Stato per gli Affari Economici per conto del VVD nel primo gabinetto Van Agt. In qualità di Segretario di Stato per il commercio estero e la promozione delle esportazioni, è rimasto molto in disparte, tranne che durante le missioni commerciali. Ha superato il suo collega segretario di Stato Van der Mei per gli affari europei nelle discussioni sulla ristrutturazione dell'industria siderurgica e tessile europea. Era un liberale che, a differenza del padre, era membro di un partito politico, ma non aspirava a una carriera politica.