Rivoluzione industriale

Article

August 10, 2022

La rivoluzione industriale è il passaggio dai prodotti fatti a mano a quelli fatti a macchina, accompagnato da cambiamenti organizzativi e sociali su larga scala. La rivoluzione industriale iniziò in Inghilterra intorno al 1750 e continuò nel resto d'Europa all'inizio del diciannovesimo secolo. Le officine artigianali e su piccola scala si trasformarono in grandi fabbriche e insieme formarono un'industria su larga scala. A causa di questa crescita, il prezzo dei prodotti è diminuito enormemente, tanto che sempre più persone potevano permetterseli. Questa inversione si è rivelata irreversibile, prima in Europa e poi nel resto del mondo: ha segnato una rottura con i tempi precedenti ed è diventata una rivoluzione costante. Ha comportato un'invenzione, uno sviluppo e un'applicazione relativamente rapidi di nuove tecniche. Da un punto di vista organizzativo, il sistema fabbrica significava un modo di lavorare completamente diverso. La situazione è cambiata con l'industrializzazione e l'avvento delle macchine ad alta intensità di capitale. Poiché i mezzi di produzione erano fuori dalla portata dei lavoratori, cambiarono anche i rapporti di lavoro. Il lavoro veniva svolto come lavoro salariato e i lavoratori persero la loro indipendenza. Mentre prima che potessero determinare il proprio ritmo di lavoro, ora erano vincolati dall'orario di lavoro della fabbrica, che poneva esigenze diverse all'etica del lavoro. Vivere e lavorare erano ormai completamente separati. L'ambiente di lavoro e il ritmo di lavoro sono cambiati drasticamente con l'introduzione del sistema di fabbrica. Il sistema ha avuto anche un forte impatto sulle attività amministrative organizzando il lavoro d'ufficio in modo simile. La vita di tutti i giorni è cambiata radicalmente quando è arrivata la rivoluzione industriale. Con l'arrivo delle fabbriche, l'industria scomparve dai villaggi. Molti abitanti del villaggio hanno seguito il lavoro verso le fabbriche, il che ha portato a un forte aumento dell'urbanizzazione. A causa dell'alto tasso di natalità inizialmente la popolazione rimase stabile, ma non appena la transizione demografica terminò, iniziò l'esodo dalle campagne. Laddove prima le persone seguivano il ritmo dei giorni e delle stagioni, ora le persone erano vincolate dal tempo a coordinare azioni o servizi. Il lavoro nelle fabbriche richiedeva poche conoscenze e abilità, quindi i lavoratori sono diventati intercambiabili. Oltre agli uomini, sono stati schierati anche donne e bambini, non ostacolati dalle normative in un momento in cui dominava una politica di laissez-faire. Il lavoro potrebbe anche essere sporco e malsano, mentre l'aspettativa di vita è diminuita. Le ribellioni furono brutalmente represse e le persone fuggivano regolarmente per bere o per fede. I cambiamenti sociali si riflettevano quindi in adattamenti e innovazioni religiose. Il problema del cambiamento sociale è stato elaborato da Marx in Das Kapital, in cui prevedeva la fine del capitalismo dopo la quale ci sarebbe stata una società di uguaglianza, il comunismo. Dopo alcune generazioni, la questione sociale è migliorata, da un lato attraverso la formazione di sindacati che chiedevano orari di lavoro più brevi, salari più alti e migliori condizioni di lavoro, e dall'altro attraverso il governo che poneva fine al lavoro minorile, tra altre cose. I bambini non erano quindi più una fonte di reddito, il che riduceva il bisogno di prole. Con l'introduzione dell'istruzione obbligatoria, ciò ha significato anche un grande cambiamento per le donne, che hanno avuto maggiori opportunità. Le condizioni migliorerebbero a tal punto che le persone alla fine vissero in modo più sano rispetto a prima dell'industrializzazione.

Proto-industrie - Rivoluzione Industriale

Il periodo dal 1600 circa è indicato come la rivoluzione industriale. In questo momento, è possibile identificare una serie di circostanze e situazioni che hanno reso possibile l'industrializzazione: Già durante l'Illuminismo furono istituite fattorie a conduzione "scientifica". Attraverso la razionalizzazione e gli strumenti a cavallo, la produzione è stata drasticamente aumentata. Il vomere inglese Rotherham del 1730 aveva già un'asse da stiro rivestita di metallo. Perché la