Ascomicete

Article

August 17, 2022

Gli ascomiceti (Ascomycota), noti anche come funghi a sacco, sono una tribù nel regno dei funghi. Gli ascomiceti sono un grande gruppo con più di 64.000 specie descritte. Devono il nome di sac fungi alle spore sacs ('ascu', plurale 'asci'), le caratteristiche strutture riproduttive che possono essere osservate al microscopio. A questo gruppo appartengono molti funghi noti, tra cui lieviti e licheni, così come alcuni funghi commestibili, come spugnole e tartufi. I funghi tascabili probabilmente si sono sviluppati come gruppo fratello dei funghi staminali (Basidiomycota) e ora insieme a loro formano il sottoregno Dikarya. Una differenza importante tra i due gruppi è che in un sacchetto le spore di funghi si formano internamente in un sacchetto di spore e in un peduncolo le spore di funghi si formano esternamente su una cellula specifica (basidio). In passato i funghi di cui si conosce solo lo stadio asessuale (lo stadio anamorfico) erano classificati in un gruppo residuale, i Deuteromycota. La maggior parte di questi funghi può ora essere classificata come funghi insaccati sulla base della genetica molecolare. I funghi insaccati svolgono un ruolo importante in molti ecosistemi, ad esempio come micobionte (partner fungino) in licheni, endofiti e micorrize e anche come decompositori. I corpi fruttiferi dei funghi larghi forniscono cibo per vari animali, da insetti e lumache a roditori e grandi mammiferi come caprioli e cinghiali. I funghi tascabili sono anche di grande importanza per l'uomo. In senso negativo perché sono responsabili di numerose malattie nell'uomo, negli animali domestici e nelle colture. In senso positivo, perché svolgono un ruolo importante nella preparazione di alimenti come formaggio, pane, birra e vino, e perché sono di grande pregio per la produzione di medicinali. Ad esempio, l'antibiotico penicillina, che viene prodotta dal Penicillium chrysogenum, ha portato a una rivoluzione nella lotta contro le malattie infettive batteriche nella seconda metà del XX secolo.

Costruzione

Molti funghi borsa hanno la forma di un micelio lanoso o di un micelio. Il micelio è costituito da ife o ife lunghe e ramificate, che hanno uno spessore di circa cinque micrometri. Un micelio di solito cresce fino a pochi centimetri, ma le ife al suo interno sono lunghe chilometri. L'opposto di queste forme sono i lieviti unicellulari che spesso possono essere osservati solo al microscopio. Vale anche la pena notare che ci sono ascomiceti che esistono come micelio e come unicellulari. Esempi sono Histoplasma capsulatum e Blastomyces dermatitidis. Un certo numero di lieviti come il lievito di birra può esistere in una forma unicellulare o multicellulare. Nella maggior parte dei funghi sacco, la parete cellulare è costituita da chitina e -glucano. Le ife sono tipicamente compartimentate da setti (pareti interne). Questi conferiscono forza al filo del fungo e prevengono la perdita su larga scala di citoplasma se si verifica una rottura nella parete cellulare. La maggior parte dei setti ha una piccola apertura nel mezzo attraverso la quale il plasma cellulare e anche i nuclei cellulari possono muoversi più o meno liberamente attraverso l'intero filo fungino. All'apertura ci sono da uno a cinque corpi piccoli, rotondi e refrattari alla luce, i cosiddetti corpi di Woronin, che chiudono l'apertura quando si rompono, in modo che il contenuto cellulare dei compartimenti adiacenti non defluisca. I fili fungini di solito hanno un solo nucleo per cellula, vengono quindi chiamati "uninucleati". Molti funghi borsa hanno un "corpo fruttifero" visibile ad occhio nudo, l'ascocarpo, che ha una funzione nella riproduzione sessuale. Sebbene il termine corpo fruttifero sia molto comune, non ha nulla a che fare con un frutto poiché si trova nelle piante. Un ascocarpo giace, di solito più contemporaneamente, in uno stroma, una struttura densa di ife vegetative, spesso ispessite e altamente pigmentate, che formano un plectenchimatico a pse