colpo di stato di agosto

Article

June 27, 2022

Il colpo di stato di agosto (russo: Августовский путч) è stato un colpo di stato tra il 19 e il 21 agosto 1991, guidato dal Partito conservatore dell'Unione Sovietica, contro l'allora presidente sovietico Mikhail Gorbaciov. Ciò fallì entro due giorni e Gorbaciov, in qualità di presidente, tornò al governo, ma in effetti fece crollare il sistema sovietico, portando infine al crollo dell'Unione Sovietica.

Sfondo

Da quando è entrato in carica come Segretario Generale dell'Unione Sovietica nel 1985, Gorbaciov ha avuto ambizioni di riforma e apertura per incarnare il concetto equilibrato di perestrojka e glasnost. Il programma di riforma ha significato la ristrutturazione e l'apertura rispettivamente dell'economia/politica/giudiziaria/amministrativa/costituzionale. Queste attività hanno alimentato la resistenza e il sospetto tra i conservatori nel sistema esistente del Partito Comunista. In particolare, c'era un'agitazione nazionalista tra alcuni dei gruppi minoritari russi nell'Unione Sovietica ed era vista come una minaccia che le repubbliche che comprendevano l'Unione Sovietica potessero ritirarsi. In particolare, quando i tre stati baltici e la Georgia hanno dichiarato l'indipendenza nel 1991 e sono scoppiati conflitti armati interetnici nel Nagorno-Karabakh e nell'Ossezia meridionale, la leadership sovietica ha deciso che la federazione non poteva più essere mantenuta nel sistema esistente. Il 12 giugno 1990, l'Unione Sovietica nella Repubblica Russa è stata sospesa dalla Dichiarazione di Stato Sovrano nella Repubblica Russa. In un referendum nazionale tenutosi il 17 marzo 1991, gli Stati baltici, l'Armenia, la Georgia (ora Georgia) e il resto delle repubbliche ad eccezione della Moldova hanno deciso di creare un nuovo sistema federale e, nei negoziati che ne sono seguiti, l'Ucraina tra i nove furono scelte le repubbliche Le repubbliche, ad eccezione di, decisero di formare un nuovo sistema federale. Attraverso questo trattato, l'Unione Sovietica ha abbandonato l'esistente sistema federale incentrato sul comunismo ed è rinato come un nuovo sistema federale. La Repubblica di Russia, Kazakistan e Uzbekistan hanno firmato il Trattato della Nuova Federazione il 20 agosto 1990.

Cospirazione

Nel 1990 Vladimir Kryukkov, direttore del Consiglio di sicurezza nazionale, ha trasmesso "Demand for Order" alla televisione centrale di Mosca. Quel giorno, ha incaricato due ufficiali del Consiglio di sicurezza nazionale di preparare misure nel caso in cui fosse dichiarata un'emergenza nazionale in Unione Sovietica. Successivamente, Kryutzkov ha unito le forze con il ministro della Difesa Dmitry Yazov, il ministro dell'Interno Boris Fugo, il primo ministro Valentin Pavlov, il vicepresidente Gennady Yanayev, il presidente ad interim del Consiglio di difesa sovietico Oleg Baklanov, il capo di stato maggiore di Gorbaciov Valery Boldin e il Comitato centrale del comunista Partito dell'URSS con il segretario generale Oleg Shenin ha partecipato all'evento.Il 29 luglio 1991, Gorbaciov, il presidente russo Boris Eltsin e il presidente del Kazakistan Nur-Sultan Nazarbaev hanno trasformato conservatori come Pavlov, Yazov, Kryutzkov e Fugo in più liberali. È stata discussa la possibilità di sostituirli con personaggi. L'intervista è stata intercettata dal Consiglio di sicurezza nazionale e Kryutzkov aveva messo Gorbaciov sotto stretto controllo con un Soggetto 110 per diversi mesi prima. Il 4 agosto 1991 Gorbaciov si recò nella sua villa a Poros, in Crimea, in Ucraina. Aveva in programma di tornare a Mosca il 20 agosto 1991, quando fu firmato il trattato federale. Il 17 agosto, i membri del Comitato nazionale di emergenza si sono riuniti presso la foresteria del Comitato per la sicurezza dello Stato a Mosca per fissare una data. Oreg Baklanov, Valery Voldin, Oleg Shenin e il ministro della Difesa ad interim dell'URSS, il generale Valentin Barennikov, sono volati in Crimea per un'intervista con Gorbaciov. Baklanov, Voldin, Shenin e Barennikov lo sono