Attacco al Campidoglio degli Stati Uniti del 2021

Article

May 22, 2022

Assalto del Campidoglio degli Stati Uniti del 2021 al 117esimo Congresso degli Stati Uniti per convalidare i risultati della 46a elezione presidenziale degli Stati Uniti, i sostenitori del presidente degli Stati Uniti Donald Trump certificano i risultati Le dimostrazioni che hanno fatto irruzione in Campidoglio il 6 gennaio 2021 per scoraggiare e rovesciare la sconfitta, hanno portato a rivolte e atti di violenza. Migliaia di sostenitori hanno marciato su Pennsylvania Avenue dopo aver partecipato a una manifestazione organizzata da Trump. In una riunione congiunta di entrambe le case, hanno fatto irruzione in Campidoglio per ostacolare il conteggio del collegio elettorale e impedire la vittoria ufficiale di Joe Biden alle elezioni presidenziali . Dopo aver sfondato il perimetro della polizia, i manifestanti hanno occupato, distrutto e saccheggiato parti dell'edificio per diverse ore. L'attacco ha portato a un ordine di evacuazione per l'edificio dell'Assemblea nazionale, alla chiusura dell'edificio e alla morte di cinque persone. I sostenitori convocati dal presidente Trump si sono riuniti a Washington, DC il 5 e 6 gennaio per sostenere false affermazioni secondo cui le elezioni del 2020 gli sono state "rubate" e chiedere al vicepresidente Mike Pence e al Congresso di respingere la vittoria di Biden. I sostenitori di Trump sono stati agitati da diversi legislatori, tra cui Trump, Donald Trump Jr. e Rudy Giuliani, a un raduno "Save America" ​​tenutosi a Ellips Park, a sud della Casa Bianca, il 6 gennaio. Trump ha detto che avrebbe "combatteto l'inferno per riavere il nostro paese" per incoraggiare i sostenitori a marciare verso il Campidoglio. Giuliani ha chiesto un "processo per battaglia" e Trump Jr. ha minacciato i suoi oppositori invocando una "guerra totale" nelle settimane che hanno portato ai disordini. Molti dei manifestanti sono diventati violenti mentre marciavano verso le Camere del Parlamento e hanno fatto irruzione in un numero schiacciante di forze di polizia. Hanno minacciato le forze di polizia e i giornalisti del Congresso, hanno allestito una forca davanti al Campidoglio, hanno cantato "impicca Mike Pence" e non hanno mostrato alcuna intenzione di ribaltare illegalmente le sconfitte elettorali del presidente della Camera Nancy Pelosi e di Trump. Membri del Parlamento, incluso il vicepresidente Pence , sono stati tenuti in ostaggio e hanno cercato di trovarli per danni. Quando i manifestanti hanno sfondato porte e finestre ed sono entrati in Campidoglio, le forze di polizia del Congresso hanno evacuato il Senato e la Camera dei Rappresentanti. Anche diversi edifici del complesso del Campidoglio sono stati evacuati e tutti sono stati chiusi. I manifestanti hanno sfondato la sicurezza interna per prendere il controllo del Senato di Vienna, mentre la polizia parlamentare ha estratto le pistole per difendere la Camera dei rappresentanti evacuata. Molti uffici parlamentari, tra cui Pelosi, furono saccheggiati e distrutti. A quel tempo, nei locali del Campidoglio è stato trovato un ordigno esplosivo improvvisato, e sono stati trovati esplosivi anche nel Comitato Nazionale Democratico e nel Comitato Nazionale Repubblicano e veicoli vicini. Cinque persone, tra cui un agente di polizia del Congresso, sono rimaste uccise nell'incidente e dozzine sono rimaste ferite. Trump inizialmente si è opposto alla repressione dei manifestanti inviando la Guardia Nazionale del Distretto di Columbia. In un video su Twitter, ha definito i manifestanti "grandi patrioti" e ha ripetuto le accuse di frode elettorale, definendoli "tornare a casa in pace". Trump, sotto la pressione della sua amministrazione, minacce di impeachment e dimissioni, ha promesso un ordinato trasferimento dei poteri in una dichiarazione video. I manifestanti furono sciolti dal Campidoglio quella sera tardi e la mattina successiva i conteggi del college elettorale ripresero e furono completati presto. Il vicepresidente Pence ha dichiarato Biden e Harris rispettivamente presidente e vicepresidente e ha confermato che sarebbero entrati in carica il 20 gennaio. In seguito, il presidente Trump ha detto agli aiuti della Casa Bianca la sua "transizione ordinata"