Olocausto

Article

May 22, 2022

L'Olocausto (dal greco hólos (totale) + kaustós (tada)) o shoah (ebraico: השואה; yiddish: חורבן) fu un movimento del Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori guidato da Adolf Hitler durante la seconda guerra mondiale tra la Germania nazista e Forze tedesche Si riferisce al massacro pianificato di circa 11 milioni di civili e prigionieri di guerra, inclusi ebrei, slavi, romani, omosessuali, disabili e prigionieri politici in tutti i territori occupati. Tra i morti c'erano circa 6 milioni di ebrei, ovvero circa due terzi dei 9 milioni di ebrei che vivevano in Europa all'epoca. Sono morti circa 1 milione di bambini ebrei e si pensa che siano morti circa 2 milioni di donne e 3 milioni di uomini. Ebrei e altre vittime furono uccisi durante la detenzione di massa e la detenzione in circa 40.000 strutture in tutta la Germania e nei territori occupati dai tedeschi. Queste persecuzioni e massacri procedevano proceduralmente. In primo luogo, prima dello scoppio della seconda guerra mondiale furono emanate varie leggi che escludevano gli ebrei dalla società, inclusa la legge di Norimberga promulgata nel 1935. Inoltre, dopo la costruzione del campo di concentramento, i prigionieri furono mobilitati per vari tipi di lavoro e la maggior parte di loro morirono per il superlavoro o morirono. Nei territori occupati dell'Europa orientale, è noto che unità di azione speciale hanno fucilato oltre un milione di ebrei e prigionieri politici. Le forze tedesche hanno arrestato ebrei e zingari nei ghetti, li hanno caricati su treni merci e li hanno trasportati nei campi di genocidio. Molte persone sono morte anche sul treno merci, ma coloro che sono sopravvissuti a loro volta sono morti in camere a gas travestite da docce. È noto che l'intera burocrazia tedesca è stata coinvolta in questo massacro, e per questo uno studioso dell'Olocausto ha definito il Terzo Reich di Germania uno "stato del massacro".

Etimologia e Concetto

La parola Olocausto deriva dal greco holókauston, che nell'antica Grecia significava il sacrificio ardente (kaustos) di un animale (holos) a un dio. Fino agli anni '60, il termine Olocausto era usato per riferirsi al genocidio, ma dagli anni '60 studiosi e scrittori famosi iniziarono a usarlo come concetto riferendosi specificamente al genocidio nazista degli ebrei. In particolare, la serie TV Holocaust, andata in onda nel 1978, è considerata un'opportunità per promuovere questo concetto al pubblico. La parola ebraica biblica per disastro, Shoah (שואה), anche scritta Sho'ah, Shoa, è stata una parola ebraica per l'Olocausto in Europa e Israele dagli anni '40. Molti ebrei preferiscono il termine Shoah all'Olocausto, per il fatto che religiosamente l'Olocausto ha un'etimologia nella cultura pagana greca. Il partito nazista perfezionò l'Olocausto e lo espresse come "Soluzione finale alla questione ebraica" (inglese: Soluzione finale alla questione ebraica, tedesco: Endlösung der Judenfrage) tramite eufemismo, e l'espressione "Soluzione finale" era ampiamente usata come termine per riferirsi al genocidio, ei nazisti cercarono di giustificare il genocidio degli ebrei con l'espressione lebensunwertes Leben (vita non degna di essere vissuta).

Caratteristiche

Unità nazionale

Il genocidio degli ebrei nella Germania nazista non fu solo un crimine di Hitler, ma un crimine causato dal male strutturale che la società tedesca simpatizzava con il razzismo. Come scrive lo storico americano ed ebreo Michael Berenbaum nel suo libro, "Tutti i dipartimenti della sofisticata burocrazia statale (Germania) sono stati coinvolti nel genocidio. La Chiesa tedesca e il ministero dell'Interno hanno fornito i documenti di nascita degli ebrei e l'ufficio postale ha consegnato gli ordini di deportazione e privazione della cittadinanza.