Kanji coreano

Article

November 26, 2022

Hanja coreano (Hanja coreano) o carattere cinese (carattere coreano) si riferisce ai caratteri cinesi utilizzati in Corea. Viene anche chiamato Hanja coreano (Hanja coreano) e in Cina si chiama Joseon Hanja (朝鮮漢字). I caratteri cinesi sono stati recentemente scavati dalle più antiche reliquie della penisola di Liaoning nella baia di Bohai, nella penisola di Liaoning. Si presume che sia stato utilizzato a Gojoseon. I caratteri cinesi introdotti in Corea svolgevano fondamentalmente il ruolo della lingua scritta come caratteri cinesi, tuttavia, poiché c'era un limite alla scrittura coreana con caratteri cinesi ideografici, per la scrittura orale venivano usati caratteri secondari come idu, hyangchal e gugyeol. Inoltre, sono stati stabiliti caratteri cinesi unici coreani, come nuovi caratteri cinesi o nuovi significati e suoni aggiunti secondo necessità.Inoltre, un numero significativo di caratteri coreani unici, come quelli per nomi propri, traslitterazioni buddiste e parole coreane, è stato sono nati i caratteri cinesi. Poiché i caratteri cinesi sono stati usati per oltre duemila anni, un numero significativo di parole cinesi è stato introdotto nella lingua coreana.Anche per le parole scritte in caratteri cinesi, le parole native sono abbinate a caratteri cinesi con pronuncia e significato simili per la rappresentazione dei caratteri a creare parole cinesi o parole cinesi assorbite sotto forma di parole straniere.Come lingua naturalizzata (coreano), è difficile vedere tutte le parole scritte in caratteri cinesi come caratteri cinesi perché il significato o l'uso originale è cambiato attraverso un processo di transizione indipendente . Inoltre, le parole cinesi importate dalla Cina o dal Giappone sono attualmente usate raramente in coreano, quindi in alcuni casi sono in realtà solo lingue straniere. Tra le 510.000 parole del Dizionario coreano standard』 pubblicato dall'Istituto nazionale della lingua coreana, ci sono circa 290.000 caratteri cinesi, pari al 57%, di cui il 54%, il 35% dei caratteri cinesi e il 2% delle parole straniere Attualmente, i caratteri cinesi usati in Corea sono principalmente caratteri tradizionali secondo l'Autobiografia Kangxi, e alcune abbreviazioni sono usate come caratteri brevi, ma in questo caso Edo è molto diverso dai caratteri cinesi semplificati usati nella Cina moderna.

Storia

Dal periodo neolitico, sono state scavate bandiere di giada con caratteri cinesi dalla civiltà Yoha, l'area in cui si trovava Gojoseon, e tracce di caratteri cinesi stanno emergendo dalle reliquie di Gojoseon. Secondo documenti come "Gwanja" e "Sanhaegyeong", stabilirono e scambiarono relazioni diplomatiche con gli stati Han, Qin, Yan e cinesi nel periodo degli Stati Combattenti primaverili e autunnali che succedettero a Gojoseon. Gojoseon, con la sua avanzata cultura del bronzo e del ferro, aveva già raggiunto un arduo accentramento all'epoca, in particolare era un paese forte, abbastanza forte da resistere alla guerra con la Corea per un anno a causa di un problema commerciale, ma si trasferì nella parte meridionale della penisola coreana e morì a causa della divisione interna. Successivamente, Buyeo, Goguryeo, Okjeo, Dongye e Samhan formarono un certo potere. Durante il periodo dei Tre Regni (Goguryeo, Baekje e Silla), i caratteri cinesi hanno svolto un ruolo importante come strumento per il sistema centralizzato di ogni paese e come mezzo per la cosiddetta nuova cultura. Più tardi, durante il regno del re Gyeongdeok di Silla, Seolchong ha compilato Idu e ha compilato il contenuto delle fortune dei caratteri cinesi in coreano. Anche nella dinastia Goryeo, il metodo di scrittura principale erano i caratteri cinesi, ma le vocali e le desinenze non trovate in cinese erano scritte con l'abbreviazione gugyeol, che è un'abbreviazione dei caratteri cinesi, che si ritiene abbia influenzato la nascita del Kana giapponese carattere. Durante la dinastia Joseon, il re Sejong il Grande e gli studiosi di Jiphyeonjeon crearono Hunminjeongeum (in seguito chiamato Hangeul) nel 1443 e lo pubblicarono nel 1446.