Timor portoghese

Article

June 30, 2022

Timor portoghese (portoghese: Timor Português) era una colonia portoghese nel sud-est asiatico che esisteva dal 1702 al 1975 in quella che oggi è Timor orientale.

Storia

Si ritiene che i primi europei ad arrivare nell'area siano stati portoghesi, arrivando a Pante Macassar nel 1515. Nel 1556 l'Ordine domenicano fondò il villaggio di Lifau, che nel 1702 divenne una colonia portoghese. La principale esportazione era il legno di sandalo. Nel 1767 fu attaccata dagli olandesi, che avevano colonizzato il resto di Timor e le isole circostanti (oggi territorio indonesiano), e nel 1769 la capitale fu trasferita a Dili. Secondo il Trattato di Lisbona del 1859, la linea di demarcazione ufficiale tra Timor portoghese e le Indie orientali olandesi fu determinata e infine confermata all'Aia nel 1916. Questo confine rimane l'attuale confine tra l'Indonesia e Timor Est. Nel 1974 scoppiò in Portogallo la Rivoluzione dei garofani, che portò a negoziati per l'indipendenza. Timor Est dichiarò l'indipendenza dal Portogallo nel 1975, ma fu presto invasa dall'Indonesia. Timor Est è diventata ufficialmente indipendente il 20 maggio 2002.

Note a piè di pagina

Collegamenti esterni