Cairo

Article

August 15, 2022

Il Cairo (inglese: Cairo, arabo: القاهرة al-Qāhirah[*]; copto: ⲕⲁϣⲣⲱⲙⲓ; culturale: Cahira) è la capitale dell'Egitto e della Lega Araba, situata proprio nel punto in cui le acque del Nilo iniziano a dividersi nella sua affluenti È la città più grande dell'Africa e del Medio Oriente. Fondata nel 642 d.C., la città ha una popolazione di 17 milioni di abitanti.

Storia

Durante l'Impero Romano, la regione del Cairo nell'antico Egitto non era altro che una palude appartenente al delta del Nilo, ed era una regione barbarica con piccoli insediamenti sparsi intorno. A causa del piccolo numero di insediamenti, sono stati trovati pochissimi resti del periodo preislamico. Le piramidi di Giza furono costruite sulla Terrazza di Giza sul lato ovest attraverso il fiume Nilo, ma con la fine dell'era dell'Antico Regno anche la fede nelle piramidi svanì e ci sono stati momenti in cui era in rovina nell'era del nuovo regno . Il punto di partenza del Cairo è quando Amur ibn al-Asher, che attraversò la penisola arabica e occupò l'Egitto nel 642, costruì Fustat, una guarnigione dell'esercito. Invece di Alessandria sul Mar Mediterraneo, che all'epoca era la città centrale dell'Egitto, il generale Amur costruì Pustat a sud dell'attuale Cairo, un piccolo entroterra lungo il fiume Nilo. Il tempio dell'Amur, costruito dall'occupante generale Amur, rimane ancora nell'area di Pustot. La Moschea dell'Amur era all'epoca il centro di Pustaat. Nell'870, Ahmad ibn Tulln, governatore dell'Impero islamico, fondò una dinastia semi-indipendente nel mezzo di un conflitto tra i califfi di Baghdad (l'attuale Iraq) e di Damasco (l'odierna Siria). Una nuova città, Katay, è stato stabilito in Tuttavia, il periodo dei katai non durò a lungo. 100 anni dopo, nel 969, il califfo Muiz della dinastia di Fatima conquistò l'Egitto e costruì un castello reale e una nuova città "Al Qahira (Victor)" proprio accanto a Qatai. Il nome "Al Qahira" continua ad essere usato oggi. Durante la dinastia di Fatima, Al-Kahira aveva un palazzo e una moschea (Moschea di Al-Azhar) ed era un castello reale dove al pubblico non era permesso vivere. La dinastia di Fatima fu rovesciata dall'eroe islamico Saladino, che rivendicò Gerusalemme dai cristiani, che, dopo essere diventato sovrano dell'Egitto nel 1171, aprì al-Qahira al grande pubblico. Al Qahira, una città murata di forma rettangolare, da allora è stata divisa in diversi distretti (Hara) e ad Hara verranno costruiti spazi abitativi come una moschea, un mercato (souk) e un bagno pubblico (hamam). Durante la dinastia mamelucca (1171-1517), che apparve dopo la dinastia Ayyuub (1171-1250) aperta da Saladino, il Cairo divenne all'epoca la città più grande del mondo. Con la conquista di Selim I dell'Impero Ottomano nel 1517, l'Egitto divenne una provincia e la gloria del Cairo svanì. Alla fine del XVIII secolo, la spedizione di Napoleone in Egitto riportò l'Egitto e il Cairo in Europa. Nel 19° secolo, sotto la dinastia di Muhammad Ali, la moderna città del Cairo fu ristrutturata per avere l'aspetto che ha oggi. Il Cairo di oggi è una grande città che si è espansa per includere il "Cairo Vecchio", l'area in cui un tempo si trovava il palazzo reale costruito dalla dinastia Patama, così come Giza ed Heliopolis a ovest della città dove si trovano le piramidi. Maadi, a sud della città, è una nuova città costruita dagli inglesi durante il governo protettivo, e qui risiede un gran numero di stranieri, compresi i coreani.

Moderno

Il Cairo ha funzionato a lungo come una città internazionale che rappresenta il Nord Africa in quanto è un punto chiave che collega il Medio Oriente, l'Africa e l'Europa. questo