Medioevo

Article

June 28, 2022

Il Medioevo (Medieval aevum) nella storia europea, dal V secolo, quando cadde l'Impero Romano d'Occidente (476 d.C.) e le popolazioni germaniche migrarono (IV-VI secolo), al Rinascimento (XIV-XVI secolo), insieme a l'era moderna (1500-1800) è il periodo che va dal V al XV secolo, ma questo concetto è difficilmente applicabile alla storia orientale, c'è anche un'opinione estremamente eurocentrica che non esistesse. Gli storici del gruppo di lingue romanze dividono il Medioevo in Primo (alto) e Tardo (Basso). Gli studiosi di lingua tedesca e di lingua inglese generalmente dividono il Medioevo in tre epoche: precoce, genitale e tardiva. Lo storico belga Henri Pirenne (1862-1935) e lo storico olandese Johann Huizinga (1872-1945) hanno reso popolari le seguenti tre epoche all'inizio del XX secolo: (Anche la tabella cronologica di seguito si basa sulla loro classificazione.) Medio aevum: 476-1453 (circa mille anni) (476 dC fu la caduta dell'Impero Romano d'Occidente, 1453 fu la caduta dell'Impero Romano d'Oriente, o Impero Bizantino). Alto Medioevo: 476-1000 (circa 500 anni) Alto Medioevo: 1000-1300 (circa 300 anni) Basso Medioevo: 1300-1453 (circa 150 d.C.)

Storia

Tarda antichità

Alla fine del 3° secolo, Roma, che un tempo vantava il Mar Mediterraneo come 'il nostro mare', arrivò anche alla fine del 3° secolo, e anche le disperate riforme di ricostruzione dell'imperatore Diocleziano iniziarono a declinare invano. La popolazione è diminuita e l'economia si è indurita, rendendola un'economia reale, e la terra è stata monopolizzata da alcuni grandi proprietari terrieri, e i contadini liberi e la classe media sono crollati. Inoltre, l'esercito romano, che in passato vantava grande potenza, fu riempito di mercenari germanici e inabile, infine, nel 475, quando i Visigoti invasero i confini di Roma Orientale, provocò una migrazione nazionale senza precedenti. I Visigoti che per primi invasero il confine sconfissero i romani orientali nella battaglia di Adrianopoli e minacciarono Costantinopoli. Così, nel 410, cadde Roma, la “città eterna”, e varie tribù germaniche devastarono uno dopo l'altro altri territori romani. A seguito delle migrazioni germaniche, furono fondati diversi paesi nell'Europa occidentale, tra cui i Visigoti (España), gli Ostrogoti/Lombardi (Italia), i Vandali (costa settentrionale dell'Africa), i Burgundi (Francia meridionale) e i anglosassoni (Regno Unito). Nell'Europa orientale, la grande migrazione degli Slavi iniziò poco dopo quella germanica e minacciò il territorio dell'Impero Romano d'Oriente, ma Giustiniano il Grande, che salì al trono all'inizio del VI secolo, lo impedì. Il grande imperatore sognava di ricostruire l'Impero Romano e una volta riconquistò i territori dell'antica Roma, come l'Italia, la Spagna e il Nord Africa.L'impero, ridotto alla regione del Mediterraneo ma continuato fino al XIV secolo, era situato tra l'Occidente Europa e Medio Oriente asiatico e ha svolto un ruolo di intermediario culturale, e ha raggiunto una splendida cultura bizantina integrando ed ereditando le tradizioni culturali della Grecia e dell'Oriente.

Alto Medioevo

La maggior parte dei popoli germanici che migrarono dal IV secolo in poi furono assorbiti sotto il controllo del Regno dei Franchi o dell'Impero Romano d'Oriente, ad eccezione degli Anglosassoni e dei Visigoti. Nel regno franco, il potere del palazzo divenne forte a causa della sconfitta dell'impero saraceno da parte di Carlo Martello, ma nell'VIII secolo la dinastia carolingia fu fondata da Pipino. In questo momento, il regno dei Franchi era con il Papa