Partito Nazionale Cinese

Article

December 4, 2022

Il Kuomintang della Cina (cinese: 中國人黨; pinyin: Zhōngguó Guómíndǎng) è un partito politico della Repubblica di Cina. Dal 1928 al 2000 è stato l'unico partito di governo della Repubblica di Cina, ma nel 2000 ha ceduto la presidenza al Partito Democratico Progressista e tuttora occupa la posizione di primo partito di opposizione nel Consiglio Legislativo della Repubblica di Cina. Il Partito nazionalista cinese può far risalire le sue origini alla Lega cinese, una delle principali forze che rovesciò la dinastia Qing e stabilì la Repubblica di Cina. Poco dopo il crollo della dinastia Qing attraverso la Rivoluzione Xinhai nel 1911 e la fondazione della Repubblica di Cina, Sun Yuan e Song Zhaoren riorganizzarono l'alleanza nel Partito Nazionalista Cinese. Quando Yuan Sky morì nel 1916, era arrivata l'era dei signori della guerra nella Cina continentale, in cui i signori della guerra avevano ciascuno i propri ruoli. In risposta, Sun Yuan ordinò a Chiang Kai-shek di eseguire la Spedizione del Nord, occupando la maggior parte del continente e stabilendo un governo a Nanchino. Da allora, la Cina ha raggiunto un notevole sviluppo economico e sociale sotto il dominio della Repubblica di Cina, ma ha subito gravi danni quando è scoppiata la seconda guerra sino-giapponese nel 1937. Durante questa guerra, la Repubblica di Cina ha subito danni enormi e ha perso il controllo sulle province, e i ribelli comunisti che hanno approfittato dell'opportunità di costruire il loro potere hanno iniziato una guerra civile e hanno spinto il governo della Repubblica di Cina a Taiwan. Il Partito Popolare Cinese, guidato da Chiang Kai-shek, continuò ad essere una dittatura individuale anche dopo aver disprezzato Taiwan come nazione, e la Repubblica di Cina mantenne il suo status di membro permanente delle Nazioni Unite fino al 1971. La Repubblica di Cina ha continuato ad essere una dittatura sotto il presidente Chiang Jing-guo, figlio del presidente Chiang Kai-shek, fino al 1986. Tuttavia, con l'avvento del presidente Li Teng-hui negli anni '90, sono state attuate una serie di politiche di democratizzazione e le riforme sono avvenute gradualmente. Successivamente, il Kuomintang ha preso il potere alternativamente con partiti come il Partito Democratico Progressista e nel 2008 e nel 2012 il presidente Ma Ying-jeou è salito al potere in successione. Tuttavia, nelle elezioni generali e presidenziali del 2016, il Kuomintang ha perso contro il Partito Democratico Progressista e Tsai Ing-wen del Partito Democratico Progressista è stato eletto come nuovo presidente. La piattaforma di base del Partito Nazionalista Cinese sono i Tre Democratici fondata da Sun Yat-sen. Il Kuomintang è membro dell'Unione Democratica Internazionale e, insieme ad altri partiti politici come il Partito Pro-Democratico, fa parte dell'Alleanza Flood, che enfatizza le buone relazioni con la Cina continentale e la riunificazione. Tuttavia, mentre il sentimento anti-cinese si intensifica all'interno della Repubblica di Cina, il Kuomintang sta anche definendo il quadro per mantenere lo stato attuale piuttosto che la riunificazione. Il Kuomintang rivendica una Cina secondo la formula 92, ma il governo legittimo rivendicato dal Kuomintang è la Repubblica di Cina, non la Repubblica popolare cinese.

Storia

Prima delle migliaia di ricchezze

1912 1 gennaio: Song Zhaoren (宋敎仁) e Sun Wen (孫文) formano il governo provvisorio della Repubblica di Cina a Nanchino. Sun Yat-sen ha assunto la carica di presidente ad interim. Febbraio: il governo provvisorio della Repubblica di Cina negozia dietro le quinte con Yuan Shikai (袁世凱, Wen Se-gae), che allora deteneva il potere militare, per cacciare Puyi, l'ultimo imperatore della dinastia Qing, attraverso la Rivoluzione Xinhai. la carica di presidente è stata trasferita a Yuan Sky. Luglio - agosto: l'Alleanza cinese viene riorganizzata nel Kuomintang. Sun Yat-sen viene eletto presidente del Kuomintang. 1913: Yuan Shikai assassina Song Zhao Ren, presidente ad interim del Kuomintang, e scioglie il Kuomintang e l'Assemblea nazionale. Nel frattempo, Sun Yat-sen si trasferisce a Tokyo, in Giappone, e organizza una società segreta, il Partito Rivoluzionario Cinese. 1914: Sun Yuan lascia il Partito Rivoluzionario Cinese a Guangzhou