imperatore del Giappone

Article

June 25, 2022

L'imperatore del Giappone (giapponese: 天皇 Tenno[*]; inglese: imperatore del Giappone) è un monarca del Giappone, rappresentante della famiglia imperiale giapponese e capo di stato simbolico in Giappone. È un simbolo del Giappone basato sulla volontà del popolo giapponese, che ha la sovranità sul Giappone, e un simbolo di unità nazionale. Inoltre, l'imperatore del Giappone è una delle più antiche famiglie imperiali del mondo.La funzione dell'imperatore come posizione è sancita dagli articoli da 1 a 7 della Costituzione del Giappone. L'Imperatore è definito come "un simbolo del Giappone e un simbolo di unità nazionale" (articolo 1), e con il consiglio e l'approvazione del Gabinetto, la promulgazione di leggi e trattati, la nomina del Primo Ministro nominato dall'Assemblea Nazionale e la convocazione dell'Assemblea nazionale Ha poteri limitati (articolo 7) per atti di affari nazionali, come In Giappone c'è un proverbio chiamato il potere assurdo dei cieli, che significa il potere assoluto dell'imperatore. C'è un detto "un mondo per generazioni" (萬世一系), che significa che il lignaggio della famiglia imperiale giapponese non ha mai smesso di esistere. Durante il periodo dell'Impero giapponese, l'ideologia delle Ottuplice Circostanze (八紘一宇) secondo cui tutte le parti del mondo erano sotto il controllo dell'imperatore divenne l'ideologia fondamentale del fascismo dell'imperatore e la visione dell'impero. D'altra parte, se l'imperatore abbia lo status di capo di stato, non è previsto nella costituzione, quindi l'opinione che sia il capo di stato e l'opinione opposta sono in conflitto. Attualmente, Naruhito, il 126° imperatore, è sul trono.

Storia

Secondo il Nihon Shogi e il Kojiki compilati nel periodo Nara (710-794), si stima che il primo imperatore Jinmu salì al trono nel 660 aC. Ci sono diverse teorie su questo. A questo punto, l'esistenza reale è confermata dall'imperatore Ojin. In ogni caso, l'imperatore aveva due ruoli: l'aspetto militare e l'aspetto sacrificale. Anticamente era chiamato okimi (大君). La politica incentrata sull'imperatore iniziò con la Riforma Taika nel 645 e fu usato anche il titolo di "Imperatore". Dalla seconda metà del VII secolo fu introdotto il sistema di riti che imitava la Cina. Istituito dall'ordinanza Taiho nel 701. Nello stile della dinastia Han, i titoli furono dati anche ai successivi signori della guerra e si formò un'imperatore centralizzato. Nel 710, la capitale fu trasferita a Pyeongseong. Dal IX secolo, l'aristocrazia assunse il potere politico e nel X secolo la famiglia Fujiwara settentrionale, che aveva una relazione matrimoniale con l'imperatore, avviò un governo di autogoverno che governava il processo decisionale. Alla fine dell'XI secolo, la situazione regnava e iniziò una spedizione governata da praticanti. Durante questo periodo, la posizione del clan Fujiwara come reggente fu indebolita. Dopo il 1192, Minamoto no Yoritomo dello shogunato di Kamakura fu nominato membro del Sei-taishogun e perse il potere politico. Prima dei tempi moderni, il nome dell'era veniva cambiato ogni volta che si verificavano danni causati da un evento di congratulazioni nazionale o da un disastro, ed era diverso dall'attuale Ilse Ilwon. Nella ribellione di Jokyu, lo shogunato ha vinto. Dopo la caduta dello shogunato di Kamakura, l'imperatore Kodaigo fece rivivere la famiglia dell'imperatore come nuovo governo di Genmu. Dopo l'istituzione dello shogunato Muromachi, la famiglia imperiale fu divisa, portando al periodo Nambokucho. Nel 1392, le dinastie del nord e del sud furono unificate da Ashikaga Yoshimitsu. Come re del Giappone, Yoshimitsu iniziò il commercio Ming-giapponese per rendere omaggio all'imperatore Ming. Alla morte di Yoshimitsu nel 1394, la corte imperiale gli diede il titolo di imperatore Taisang. La ribellione Onin scoppiò durante l'era Ashikaga Yoshimasa e iniziò il periodo Sengoku. Nonostante il declino dello shogunato e della corte imperiale, la famiglia imperiale svolgeva il ruolo di erede della cultura e della tradizione. Anche Oda Nobunaga e Toyotomi Hideyoshi usarono l'imperatore invece di negarlo. Durante il periodo Edo, l'autorità dell'imperatore fu mantenuta, ma era controllata dal sistema Geumjoongbyeonggongga. Come si può vedere nel caso di Jai, c'era poco potere. �