William Henry Harrison

Article

February 2, 2023

William Henry Harrison (9 febbraio 1773 - 4 aprile 1841) è stato il nono presidente degli Stati Uniti (4 marzo 1841 - 4 aprile 1841). È il nonno del 23° presidente, Benjamin Harrison. Dopo essere entrato al Senato nel 1825, Harrison si ritirò e non apparve in politica per 10 anni. Ho usato il logosong (vecchio Tipiconu e John Tyler).Tre settimane dopo essere entrato in carica, ho preso un raffreddore dalla pioggia senza ombrello, che ha portato a una polmonite acuta ed è morto meno di un mese dopo essere entrato in carica. Questo lo ha reso il presidente più basso degli Stati Uniti d'America per un mese.

Primi anni

Nato il 9 febbraio 1773 a Berkeley, Virginia, nell'Impero britannico, il più giovane di tre figli e quattro figlie di Benjamin Harrison ed Elizabeth Bassett Harrison. William Henry Harrison ha ricevuto la sua prima educazione a casa. Entrò all'Hampden-Sydney College nel 1787 e successivamente all'Università della Pennsylvania per studiare medicina. Alla morte del padre nel 1791, Harrison lasciò gli studi di medicina e si arruolò nell'esercito.

Carriera militare e politica

Giorni militari

Harrison prestò servizio nella guerra di sottomissione indiana e fu promosso tenente. Nel 1794 sviluppò un piano per portare alla vittoria sul Great Miami River. Harrison fu promosso capitano e comandò il forte Washington, Ohio.

La famiglia di Harrison

Mentre si trovava a Fort Washington, Harrison sposò Anna Cymes (1775-1864), figlia del giudice e ricco speculatore terriero John Cymes. La coppia Harrison aveva sei figli e quattro figlie. Sei di loro sono morti prima che Harrison diventasse presidente. Si dice che William Henry Harrison abbia avuto sei figli dalla sua schiava Dilsia.

Introduzione regolare iniziale

Harrison si dimise dall'esercito nel giugno 1798 e il presidente John Adams lo nominò Segretario del Territorio del Territorio del Nord Ovest. Nel 1799 Harrison fu il primo delegato eletto al Congresso dai Territori del Nordovest. Al Congresso, Harrison convinse i promotori terrieri ad approvare un disegno di legge che avrebbe diviso le terre dell'Occidente in piccoli pezzi abbastanza da essere comprati dai poveri. Nel 1800, Adams nominò Harrison governatore del Territorio dell'Indiana, dove rimase per 12 anni. Come governatore, Harrison ha esplorato la protezione del benessere della vita indiana sul territorio. Ha vietato la vendita di alcolici agli indiani e ha ordinato loro di vaccinarli contro il vaiolo. Nel 1809, Harrison, insieme ai leader indiani, negoziò un trattato per dare ai coloni circa 2.900.000 acri (1.170.000 ettari) di terra sui fiumi White e Wabash. Molti indiani hanno criticato il trattato. Si unirono sotto il capo Shawnee Tecumse. Harrison, al comando della milizia territoriale, iniziò a cacciare gli indiani dai trattati. Il 7 novembre 1811, le truppe aumentate di Harrison distrussero gli indiani nella battaglia di Tipicanoo.

Comandante dell'esercito

All'inizio della guerra nel 1812, il presidente James Madison nominò Harrison generale di brigata dell'esercito del nord-ovest. Harrison fu promosso tenente generale nel 1813. Nell'ottobre di quell'anno, le forze di Harrison ottennero una vittoria spettacolare su una coalizione di forze britanniche e indiane nella battaglia del Tamigi nell'Ontario meridionale.

Ritorna alla politica

Dopo una faida con il ministro della Guerra nel 1814, Harrison si dimise nuovamente dall'esercito. Vive in una fattoria a North Bend, Ohio.