Albert Einstein

Article

January 30, 2023

Albert Einstein (tedesco: Albert Einstein; inglese: Albert Einstein; 14 marzo 1879 - 18 aprile 1955) è stato un fisico teorico di origine tedesca, ampiamente considerato uno dei più grandi fisici della storia. Sebbene noto soprattutto per aver sviluppato la teoria della relatività, ha anche dato importanti contributi allo sviluppo della meccanica quantistica. Insieme, la relatività e la meccanica quantistica sono due pilastri della fisica moderna. La sua equivalenza massa-energia dalla teoria della relatività E m C 2 {\displaystyle Emc^{2}} è chiamata "l'equazione più famosa del mondo". Il suo lavoro è noto anche per la sua influenza sulla filosofia della scienza. Fu insignito del Premio Nobel per la fisica nel 1921 per "per i suoi contributi alla fisica teorica, in particolare per la scoperta della legge dell'effetto fotoelettrico", per un passo fondamentale nello sviluppo della teoria quantistica. Le sue conquiste intellettuali e la sua ingegnosità fecero sì che "Einstein" diventasse sinonimo di "genio". Hanno delineato la teoria dell'effetto fotoelettrico, spiegato il moto browniano, introdotto la teoria della relatività speciale e dimostrato l'equivalenza massa-energia. Einstein pensava che le leggi della meccanica classica non potessero più essere armonizzate con le leggi dei campi elettromagnetici, così sviluppò la teoria della relatività speciale. Estese poi la teoria ai campi gravitazionali; Nel 1916 pubblicò una tesi sulla teoria della relatività generale, introducendo la sua teoria della gravità. Nel 1917 applicò la teoria della relatività generale per modellare la struttura dell'universo. Continuò ad occuparsi di problemi di meccanica statistica e teoria quantistica, che portarono a una spiegazione della teoria delle particelle e del moto molecolare. Studiò anche le proprietà termiche della luce e la teoria quantistica della radiazione, che divenne la base per la teoria dei fotoni della luce. Tuttavia, ha fatto due sforzi alla fine senza successo più tardi nella sua carriera. Innanzitutto, nonostante i suoi grandi contributi alla meccanica quantistica, si oppose allo sviluppo della meccanica quantistica, sostenendo che la natura "non gioca a dadi". In secondo luogo, abbiamo cercato di elaborare una teoria del campo unificata generalizzando la teoria geometrica della gravità per includere l'elettromagnetismo. Di conseguenza, divenne sempre più isolato dalla corrente principale della fisica moderna. Einstein nacque nell'Impero tedesco, ma si trasferì in Svizzera nel 1895 e rinunciò alla cittadinanza tedesca l'anno successivo (come cittadino del Regno di Württemberg). Nel 1897, all'età di 17 anni, entrò alla Facoltà di Matematica e Fisica presso il Politecnico federale di Zurigo, laureandosi nel 1900. Nel 1901 ottenne la cittadinanza svizzera e la tenne a vita, e nel 1903 si assicurò un lavoro a tempo pieno presso l'Ufficio svizzero dei brevetti a Berna. Nel 1905 conseguì il dottorato all'Università di Zurigo. Nel 1914, Einstein si trasferì a Berlino per unirsi all'Accademia delle scienze prussiana e alla Humboldt University. Nel 1917 Einstein divenne direttore dell'Istituto di Fisica Kaiser Wilhelm, questa volta prussiano, e di nuovo cittadino tedesco. Nel 1933 Adolf Hitler salì al potere in Germania mentre Einstein era in visita negli Stati Uniti. Contro le politiche del neoeletto governo nazista, Einstein si stabilì negli Stati Uniti e divenne cittadino americano nel 1940. Poco prima della seconda guerra mondiale, scrisse in una lettera al presidente Franklin D. Roosevelt avvertendolo di un potenziale programma di armi nucleari tedesco e raccomandando agli Stati Uniti di iniziare una ricerca simile.